giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Economia circolare, l’Italia si conferma prima in Europa

economia circolare, primato Italia in Europa

Nel campo dell’economia circolare l’Italia si conferma prima in Europa. È quanto emerge dal ‘Rapporto nazionale sull’economia circolare in Italia 2020’, realizzato dal Cen (Circular economy network), la rete promossa dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile e da 14 aziende e associazioni di impresa, e da Enea. Il dossier è stato presentato lo scorso 18 marzo in streaming, a causa dell’emergenza Coronavirus, dal presidente del Cen Edo Ronchi e dal direttore del Dipartimento sostenibilità dei sistemi produttivi e territoriali di Enea Roberto Morabito.

La classifica stilata nel rapporto tiene conto dell’indice di circolarità, ovvero il valore attribuito secondo il grado di uso efficiente delle risorse in cinque categorie: produzione, consumo, gestione rifiuti, mercato delle materie prime seconde, investimenti e occupazione. Dietro l’Italia si piazzano Germania e Francia (11 e 12 punti in meno). Ma Francia e Polonia, rispettivamente con un tasso di circolarità nell’ultimo anno di più 7 punti e più 2 punti, sono in costante risalita. La crescita di questi due Paesi, in particolare, potrebbe presto mettere in discussione il primato dell’Italia se non continua a implementare e, soprattutto, mettere a sistema le proprie buone pratiche di economia circolare. Per ciò che concerne la capacità di trasformare i volumi di economia circolare in posti di lavoro, l’Italia viene invece scavalcata dalla Germania (659.000 occupati contro 517.000). Nonostante ciò, percentualmente le persone che nel nostro Paese vengono impiegate nei settori ‘circolari’ sono il 2,06% del totale, valore superiore alla media Ue a 28 che è dell’1,7%.

Nel mondo ancora troppo consumo di materiali

Dal dossier emerge che il consumo di materiali nel mondo cresce a un ritmo doppio di quello della popolazione mondiale. In pratica, ogni abitante della Terra utilizza più di 11.000 chili di materiali all’anno di cui un terzo si trasforma in breve tempo in rifiuto e finisce per lo più in discarica, mentre solo un altro terzo è ancora in uso dopo appena 12 mesi. Andare oltre questa economia estrattivista, definita nel rapporto “responsabile di buona parte della crisi climatica e ambientale, a cominciare dall’invasione dell’usa e getta”, significa puntare in modo sempre più strutturato sull’economia circolare, e dunque su materiali e oggetti che possono essere riciclati e riutilizzati più e più volte. 

Secondo il rapporto, infine, in questo quadro una delle principali priorità è rappresentata dalla valorizzazione della bioeconomia, un tassello fondamentale nella salvaguardia delle risorse naturali ma solo a condizione che sia rigenerativa, vale a dire basata su risorse biologiche rinnovabili e utilizzate difendendo la resilienza degli ecosistemi e non compromettendo il capitale naturale con prelievi e modalità di impiego che ne intacchino gli stock. Per gli autori del dossier, che quest’anno hanno dedicato un focus a questo specifico aspetto, è necessario un maggiore impegno per la tutela del capitale naturale, in particolare del suolo, e nella lotta alla crisi climatica.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto