venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Nel 2021 l’economia circolare riparta da alcuni passi compiuti nel 2020

I decreti end of waste, per la gomma da pneumatici fuori uso e per carta e cartone, fra le notizie positive dell’anno

Nel 2020 l’Italia ha recepito il pacchetto di direttive europee sull’economia circolare. Si è quindi definito il contesto in cui occorre muoversi da qui ai prossimi anni. Il raggiungimento, nei tempi previsti, degli obiettivi che l’Europa, e anche l’Italia, si è prefissata avverrà però se si faranno i giusti passi.

Qualcuno è stato fatto in questi mesi. Nel marzo 2020 è stato approvato il decreto end of waste per la gomma riciclata da pneumatici fuori uso; nel settembre scorso è stato firmato quello relativo a carta e cartone. Norme che servono per mettere in moto l’economia circolare vera e propria. Visti in quest’ottica, però, i decreti end of waste approvati fino ad ora sono ancora troppo pochi. Ci auguriamo che il 2021 sia l’anno della svolta in questo senso. Un altro passo importante è l’emendamento approvato in Senato che toglie il tetto del 50% di plastica riciclata per gli imballaggi alimentari e ora, finalmente, si potrà arrivare fino al 100%.

“Nel 2020 ci sono state anche occasioni mancate. Come la modifica normativa per la rimozione del tetto massimo di 25/euro a tonnellata per l’ecotassa di conferimento in discarica”
– Giorgio Zampetti

Al tempo stesso, nel 2020 ci sono state anche occasioni mancate. Come la modifica normativa per la rimozione del tetto massimo di 25/euro a tonnellata, stabilito per l’ecotassa di conferimento in discarica, modifica necessaria per raggiungere l’obiettivo del limite massimo del 10% di rifiuti conferiti in discarica. Oppure l’approvazione anche in Italia di una norma sul dibattito pubblico, a livello nazionale, declinata poi sulle singole regioni, che preveda l’avvio di percorsi partecipativi per accompagnare la realizzazione di un’adeguata rete impiantistica, necessaria per diffondere impianti per la produzione di materia prima seconda e per chiudere il cerchio, a partire dagli impianti di digestione anaerobica per trattare i rifiuti organici e produrre biometano. Preoccupa invece che nella bozza del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), quando si parla di impianti di economia circolare il solo riferimento esplicito sia ai Tmb (trattamento meccanico biologico), impianti destinati a trattare i rifiuti indifferenziati prima del loro smaltimento in discarica,

Noi non abbiamo dubbi, l’economia circolare è strategica per il decollo di una delle più importanti eccellenze industriali ed economiche del nostro Paese e il superamento delle emergenze rifiuti. Ma perché le diventi concretamente occorre agire subito, a partire dal Pnrr e fin dai primi mesi del 2021.

Leggi anche:
Speciale 2020, un anno di ambiente

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Giorgio Zampettihttps://www.lanuovaecologia.it
Direttore generale di Legambiente

Articoli correlati

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

101 Premi Nobel contro i combustibili fossili

Il Dalai Lama tra i firmatari di una lettera ai leader mondiali per chiedere un rapido passaggio alle energie rinnovabili. Per una transizione rapida e giusta

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto