mercoledì 19 Gennaio 2022

Acquista

Login

Registrati

Anche quest’anno torna l’Econatale di Legambiente

I ricavi andranno a favore delle bambine e dei bambini di Chernobyl costretti a vivere nelle zone contaminate dall’esplosione nucleare

Anche quest’anno, torna l’appuntamento con l’econatale di Legambiente. La campagna di solidarietà, che ogni anno l’associazione ambientalista organizza a favore delle bambine e dei bambini di Chernobyl costretti a vivere nelle zone ancora oggi contaminate a seguito dell’esplosione nucleare del 1986, ha ufficialmente preso il via e consentirà, a chi lo vorrà, di mettere sotto l’albero di Natale un dono buono, sano, solidale e sostenibile. Cinque le eco-confezioni realizzate con materiale ecologico e piene di prodotti all’insegna della lotta alla crisi climatica: Mediterraneo, TuttoBio, Eccellenze, Buono&Giusto, Prezioso. Si parte da un contributo minimo di 20 euro. Il ricavato della raccolta fondi sarà devoluto al progetto Rugiada, campagna promossa dall’associazione del cigno verde per consentire ai bambini bielorussi di essere sottoposti a monitoraggi sanitari, attraverso i quali tenere sotto controllo le patologie causate dalle radiazioni, e di seguire una dieta a base di cibo non contaminato.

“La situazione in Bielorussa – ha dichiarato Angelo Gentili, membro della segreteria nazionale di Legambiente – è preoccupante. La contaminazione ancora minaccia le vite degli abitanti della zona. L’esplosione di Chernobyl non è solo un ricordo, è ancora un triste realtà e la condizione socio-politica del Paese non ci rasserena, tutt’altro. Il Covid-19 ha ulteriormente aggravato la situazione. Per questo, l’aiuto di tutte e tutti è ancora più importante. Anche per questa edizione, dobbiamo dire grazie a tutte le aziende e le realtà produttive che si sono messe a disposizione di questa campagna di solidarietà. Non è scontato, di questi tempi.  Un grazie enorme va anche a chi deciderà di partecipare a questa corsa contro il tempo per donare futuro e speranza alle bambine e ai bambini bielorussi. Il filo rosso che unisce tutte le nostre azioni associative – ha concluso Gentili – è quello dell’ecologia sociale. Non può esistere un’ecologia ambientale senza una società giusta, equa e solidale”.

Per prenotare le confezioni, manda una mail a info@festambiente.it
Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,810FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Ridimensiona font
Contrasto