venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Ecologia e giustizia sociale. I diritti contro le disuguaglianze

foto di volontari in azione

XI Congresso nazionale di Legambiente – La piazza tematica “Ecologia e giustizia sociale. I diritti contro le disuguaglianze”

Le conseguenze più significative della crisi ambientale si ripercuotono sui territori con fenomeni di maggiore vulnerabilità sociale, dove già insistono forme di disuguaglianza e di disagio. È chiaro da tempo il legame tra cambiamenti climatici e impoverimento delle popolazioni dei Paesi più soggetti al sottosviluppo. Quello di cui si ha meno coscienza, invece, è il legame tra crisi ambientali e crisi sociale, che si concretizza nelle tante periferie che caratterizzano le nostre città e i nostri territori. Il perdurare di un modello di urbanizzazione non gestito né programmato, ha portato, pur in assenza di un aumento della popolazione, a concentrare quest’ultima nelle aree metropolitane e nelle grandi città. Qui, per motivi di accessibilità abitativa, gran parte della popolazione vive nelle periferie, sovraffollate, cresciute in maniera caotica e povere di servizi e spazi di incontro e socializzazione, di qualità ambientale. Paradossalmente, soffrono delle stesse carenze le aree interne del Paese, che hanno assistito allo spopolamento dagli anni ’70, fino a divenire luoghi di disagio insediativo e sociale. Sono questi i luoghi in cui le persone non hanno accesso alle stesse opportunità di benessere e agli stessi diritti di cittadinanza, e sono sottoposte maggiormente ai rischi ambientali. Perché vivono in case meno efficienti da un punto di vista energetico e di comfort abitativo, in territori meno manutenuti, messi in sicurezza e dotati di servizi di prossimità. Se sovrapponessimo la mappa del disagio insediativo urbano e delle aree interne con quella della disoccupazione, della dispersione e dell’abbandono scolastico e della povertà educativa vedremmo il filo rosso che lega la qualità ambientale e la marginalità sociale. Il sentimento che accomuna queste realtà è quello di essere abbandonate a se stesse, con una conseguente reazione di incattivimento e di mancanza di proiezione verso il futuro. Questi luoghi dove si intrecciano ingiustizia sociale e ambientale devono essere le nuove frontiere di impegno della nostra associazione, e più in generale dei corpi intermedi. Sono i luoghi in cui generare cura e riscatto, ricostruendo le reti e la coesione sociale. Sono operazioni dal basso che in parte abbiamo già sperimentato con campagne di rigenerazione territoriale. Ma non ci possiamo accontentare di interventi occasionali, dobbiamo cominciare a costruire dei nostri presidi, che siano punti di riferimento per generare attivismo sociale, vertenze ambientali e reti territoriali di più soggetti, coinvolgendo chi vive in questi luoghi. Occorre restituire loro la dignità di sentirsi protagonisti del proprio riscatto sociale. Questa è la direzione verso la quale dobbiamo muoverci come associazione per i prossimi anni, tenendo assieme l’impegno su mitigazione e adattamento al clima con il contrasto delle disuguaglianze, come due politiche profondamente interdipendenti e intorno alle quali costruire forti alleanze e strategie territoriali per essere più incisivi.

‘I luoghi dove si intrecciano disagio sociale e ambientale devono essere nuove frontiere di impegno, per generare cura e riscatto’

Vanessa Pallucchi, vicepresidente nazionale di Legambiente

Vanessa Pallucchihttps://www.lanuovaecologia.it
Presidente nazionale di Legambiente Scuola e Formazione e vicepresidente nazionale di Legambiente

Articoli correlati

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

101 Premi Nobel contro i combustibili fossili

Il Dalai Lama tra i firmatari di una lettera ai leader mondiali per chiedere un rapido passaggio alle energie rinnovabili. Per una transizione rapida e giusta

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto