giovedì 16 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Dopo 30 anni, Cernobyl

LA SUPPLICATION © Jerzy Palacz_w

Inizia con una sequenza silenziosa sulle rovine degli impianti il film del regista lussemburghese Pol Cruchten La supplication (Voices from Chernobyl), sulla catastrofe nucleare di Cernobyl.
Le inquadrature si soffermano a lungo sui volti di chi sta per svelarci la sua storia. I movimenti di camera sono lenti e totalmente asserviti al racconto, le voci fuori campo. Quello che ancora oggi sta accadendo ai superstiti di Cernobyl è inevitabile. Non c’è bisogno di avere fretta o di ricostruire i fatti. Tutto accadrà senza che nessuno possa cambiare i destini di nessuno. Meglio lasciare il campo alla riflessione, alle emozioni.

Presentato nel corso del Trieste film festival in anteprima mondiale, il film, che esce in occasione del trentennale del disastro (il 26 aprile 1986), è tratto dal romanzo Preghiera per Cernobyl. Cronaca del futuro della scrittrice bielorussa Svetlana Aleksievič, premio Nobel per la letteratura nel 2015.Del libro ritroviamo lo spirito, le atmosfere, l’approccio corale, una polifonia del dolore che fa de La supplication un’opera che esce dai canoni convenzionali del cinema, né fiction né documentario, ma testimonianza autentica, coraggiosa, ricca di umanità: un memoriale.

A raccontare sono le vedove, le madri e i padri sopravvissuti ai figli, i soldati, insegnanti, scienziati, bambini. Dalle loro storie emerge la dimensione privata del più grave incidente nucleare mai verificatosi, 350 volte più distruttivo della bomba di Hiroshima. Sono gli stranieri in patria, i lebbrosi di cui nessuno vuole più ascoltare la voce, poeti involontari nati dalla tragedia. Per loro l’elaborazione del lutto è pratica quotidiana.

Marino Midena
Studioso di tematiche giuridiche agraristiche-ambientali. come giornalista collabora con diverse testate. lavora in uffici stampa e ha condotto trasmissioni radio e tv. Ha insegnato “Diritto e legislazione dello spettacolo” presso il Conservatorio di Musica “V. Bellini” di Palermo ed è il direttore artistico del Green Movie Film Fest.

Articoli correlati

Alle isole Far Øer uccisi in un solo giorno quasi 1.500 delfini

La mattanza risale al 12 settembre in occasione della "Grindadráp", la tradizionale caccia ai cetacei. La denuncia dell'organizzazione Sea Shepherd: "La caccia ai delfini deve cessare completamente"

I Comuni al centro della pianificazione urbana nella sfida all’emergenza climatica

Se ne parla il 17 settembre a Campi Bisenzio a un convegno organizzato da Legambiente nell'ambito del Festival dell'Economia Civile

Venezia78, il premio Green Drop Award al film “Il Buco” di Michelangelo Frammartino

A premiare le produttrici Piera Boccacciaro e Chiara Cerretini è stato Lino Banfi, che ha ricevuto la Goccia Blu insieme a Ronn Moss

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

I Comuni al centro della pianificazione urbana nella sfida all’emergenza climatica

Se ne parla il 17 settembre a Campi Bisenzio a un convegno organizzato da Legambiente nell'ambito del Festival dell'Economia Civile

Venezia78, il premio Green Drop Award al film “Il Buco” di Michelangelo Frammartino

A premiare le produttrici Piera Boccacciaro e Chiara Cerretini è stato Lino Banfi, che ha ricevuto la Goccia Blu insieme a Ronn Moss

Maxiprocesso Eternitbis, appuntamento il 19 settembre al Parco Eternot

A porte chiuse il processo con le voci dei testimoni a Novara. La comunità monferrina si ritrova e partecipa alla lotta per la giustizia

Giretto d’Italia 2021, al via l’undicesima edizione della gara per la mobilità sostenibile

Casa-lavoro in bici o mezzi di micromobilità elettrica: sfida al maggior numero di spostamenti sostenibili. Al vincitore un weekend per due

Urban experience, nuovi paradigmi fra naturale e digitale

di Carlo Infante - Dal 14 al 20 settembre, a Roma, si svolge “Performing Media!” con walkabout, performance, installazioni e videoproiezioni nomadi
Ridimensiona font
Contrasto