martedì 26 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Donald Trump sul clima: “Credo ci sia un cambiamento”

Donald Trump e il clima

Durante la visita del presidente americano nel Regno Unito Carlo d’Inghilterra e Donald Trump hanno parlato dei pericoli del cambiamento climatico. O meglio, «ha parlato quasi sempre Carlo», ha confermato Trump. Alla fine della chiacchierata, il presidente Usa: «Io credo ci sia un cambiamento del clima, e credo che i cambiamenti siano in entrambe le direzioni».

 

E’ stato molto cauto nei termini che ha usato: ha sottolineato che non è corretto parlare di “cambiamento climatico”, di cui in passato ha più volte negato l’esistenza.
Il presidente ha parlato invece di «extreme weather», condizioni del tempo estreme, dichiarando che «comunque abbiamo avuto condizioni peggiori in passato» e che il meteo sta cambiando «in entrambe le direzioni».  «Non dimentichiamoci, lo chiamavano riscaldamento globale, non stava funzionando, e allora è stato chiamato cambiamento climatico. Ora lo chiamano “tempo estremo”, perché con “tempo estremo” non ti puoi sbagliare». Nel 2017 però il leader Usa ha ritirato gli Stati Uniti dagli accordi di Parigi, sottoscritti con 194 Paesi. Ma non ha accettato la critica secondo cui il suo Paese dovrebbe fare di più: «Ho detto “beh, gli Stati Uniti al momento hanno uno dei climi più puliti secondo tutte le statistiche”. E sta migliorando perché vogliamo l’acqua più pulita, dev’essere cristallina», ha aggiunto, parlando di clima e di inquinamento – hanno notato alcuni – come fossero la stessa cosa. «Cina, India, Russia e molte altre nazioni non hanno una buona aria, né una buona acqua, in alcune città si fa fatica a respirare».

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Ecomondo e Key energy, dove passa la transizione ecologica dell’Italia

Alla Fiera di Rimini fino al 29 ottobre appuntamenti in presenza e in digitale per rimettere in connessione il mondo della pubblica amministrazione, quello finanziario e imprenditoriale

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto