venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Dolomiti: lo striscione “basta impianti” spunta ovunque

A srotolare le scritte dalle cime è un gruppo informale di imprenditori, fotografi, videomaker. L’obiettivo è lasciare le montagne libere dalle infrastrutture

Striscioni con scritto “Basta impianti” spuntano sulle vette dolomitiche, dove si progettano nuove funivie e seggiovie per lo sci da discesa. A srotolare le scritte dalle cime è un gruppo informale di imprenditori, fotografi, videomaker, persone che hanno scelto di manifestare così, in modo originale e creativo, la loro richiesta di lasciare alcuni spazi liberi da infrastrutture, sulle Dolomiti patrimonio dell’Umanità.

Finora hanno fatto tre manifestazioni. Alla prima, lo scorso settembre, sono saliti in cinque cordate sulle Cinque Torri, mentre a valle era in costruzione l’impianto funiviario tra Pocol e, appunto, le Cinque Torri, che avrebbe dovuto essere completato per i Mondiali di sci a Cortina e invece i lavori si sono fermati per le numerose difficoltà riscontrate. Ma ripartiranno.

La seconda manifestazione è stata in Marmolada, sul versante trentino, dove al posto del vecchio impianto dismesso, che portava da Passo Fedaia a Pian dei Fiacconi (distrutto da una valanga in dicembre 2020), i proprietari intendono realizzarne uno nuovo e salire più ad alta quota. Già da tempo è possibile raggiungere la cima della Marmolada, Punta Rocca, con una funivia da Malga Ciapela, sul versante veneto.

La terza e più recente manifestazione, fatta in scialpinistica, è stata al Piccolo Settsass, un altro dei luoghi che verrebbero toccati dal Grande Carosello delle Dolomiti, assieme all’impianto delle Cinque Torri. Obiettivo del Carosello è collegare i comprensori già esistenti in un’unica skiarea, in questo caso mettendo in comunicazione Cortina con Arabba.

«L’idea è fare azioni eclatanti, per ottenere visibilità mediatica e sensibilizzare l’opinione pubblica sui nuovi impianti che minacciano gli ultimi spazi liberi delle nostre montagne», afferma Federico Sordini, che a Rocca Pietore, in provincia di Belluno, ha un’azienda. Il suo, quindi, è il punto di vista di chi in montagna ci vive e chiede una visione diversa, sostenibile, attenta alle persone e al bisogno di servizi. Il gruppo è ben consapevole dell’importanza del turismo invernale legato allo sci da discesa per l’economia delle Alpi. Ma il numero di impianti già esistenti oggi è sufficiente a rispondere alla domanda degli sciatori, che possono fruire di chilometri di piste. Anzi, aumenta semmai il numero di chi ricerca pratiche alternative, come le ciaspolate, lo scialpinismo, lo sci di fondo, lo slittino.

«Ci concentriamo sul nostro territorio e non ci interessa crescere né creare un’organizzazione più strutturata», conclude Sordini. «Per ora ciò che ci unisce è la pagina Facebook Basta Impianti. Allo stesso tempo siamo disponibili a collaborare con altre realtà montane che vivono la stessa problematica. Ci hanno contattato per esempio dalle Cime Bianche in Valle d’Aosta. Abbiamo molto ancora da fare».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Elisa Cozzarini
Laureata in Scienze Politiche a Trieste, come giornalista si occupa di ambiente, e in particolare di fiumi, da oltre dieci anni. Si dedica al racconto del territorio del Friuli Venezia Giulia e del Veneto attraverso la scrittura, la fotografia e l'audiovisivo. Ha pubblicato diversi libri per Ediciclo/Nuovadimensione, tra cui "Radici liquide. Un viaggio inchiesta lungo gli ultimi torrenti alpini", 2018, finalista al Premio Mario Rigoni Stern.

Articoli correlati

Protetto: QualEnergia marzo/aprile 2021

CLICCA QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA ATTIVA UN ABBONAMENTO ACQUISTA UNA COPIA SFOGLIA I NUMERI PRECEDENTI (FREE)

QualEnergia marzo/aprile 2021

ITALIA CLIMATE NEUTRAL 2050 FOCUS SUL PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA   RISERVATA AGLI ABBONATI: CLICCARE QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA IN OMAGGIO PER TUTTI: CLICCARE QUI...

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto