martedì 26 Gennaio 2021

Discariche abusive, altri 9 siti bonificati

Discariche abusive

“Accelerare il risanamento ambientale dei siti commissariati nel migliore modo possibile è l’obiettivo che perseguiamo con grande impegno, grazie alla task force attivata dall’Arma dei Carabinieri, attuando ogni possibile collaborazione con le varie Istituzioni”. Con queste parole il commissario straordinario per la bonifica delle discariche abusive, Giuseppe Vadalà, ha annunciato la regolarizzazione di altre 9 discariche abusive da parte della Direzione generale ambiente dell’Ue.

Nel 2014, infatti, la Corte di Giustizia europea condannò l’Italia per la mancata esecuzione di una sua condanna del 2007 per inadempimento delle direttive sui rifiuti. Con una sanzione forfettaria di circa 40 milioni di euro ed una penalità di 42,8 milioni di euro da pagare semestralmente fino alla permanenza in stato di infrazione. Da allora, l’Italia ha bonificato 132 siti, dai 200 iniziali fino agli attuali 68 ancora da regolarizzare, con la conseguente riduzione della sanzione semestrale a 14,2 milioni di euro. 

Con la nomina del generale Giuseppe Vadalà nel 2017, sono stati bonificati o messi in sicurezza 6 siti alla quinta scadenza semestrale della sanzione Ue (giugno 2017) ed altri 9 alla sesta semestralità a dicembre. Lo scorso 12 marzo è stato comunicato dalla DG Ambiente della UE l’esito positivo per tutti i 9 siti, con relativa interruzione della sanzione.

“È un’ottima notizia – ha commentato Antonio Pergolizzi, coordinatore dell’Osservatorio ambiente e legalità di Legambiente e curatore degli annuali Rapporti Ecomafia – Un lavoro affidato in buone mani, retto da Giuseppe Vadalà che è un grande investigatore e un amico, che sta continuando a fare un ottimo lavoro, come lo faceva prima con il corpo forestale. Speriamo che questa sia definitivamente una pagina voltata e che non ci sia bisogno in futuro di recuperare i guasti di una cattiva amministrazione. I rifiuti dovrebbero, invece, essere incanalati in percorsi virtuosi.”

Le attività di risanamento in questo semestre si riferiscono a: un sito nel Lazio, due siti in Campania, due siti in Calabria, due in Sicilia e due in Abruzzo. Azioni importanti, con un preciso obiettivo, come affermato dal commissario straordinario: “La salute e la sicurezza dei cittadini sono un impegno prioritario come altrettanto importante è evitare che l’Italia continui a pagare multe all’Europa, in ragione della progressiva regolarizzazione dei siti un tempo abusivi”.

 

Articoli correlati

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente