Discarica abusiva scoperta in un capannone nel Milanese

I carabinieri del Noe sequestrano l’area dopo le segnalazioni dei residenti. L’assessore Cattaneo: “Attenzione sempre alta da parte delle istituzioni”

un'immagine del Noe durante un'operazione

Una discarica abusiva di rifiuti speciali all’interno di un impianto industriale nel milanese è stata scoperta e sequestrata dai carabinieri del Noe, il Nucleo operativo ecologico. I militari hanno controllato uno stabilimento industriale nel comune di Cornaredo (Milano), accertando la presenza di ingenti quantitativi di rifiuti speciali portati lì in maniera del tutto illegale.

I carabinieri avevano ricevuto alcune segnalazioni di privati cittadini allarmati da un insolito via vai di camion e di autoarticolati. In un capannone erano stoccati circa 1.200 metri cubi di rifiuti, in particolare di materie plastiche “tale da potersi ipotizzare non solo la realizzazione di una discarica abusiva, ma anche un’illecita attività di gestione, raccolta e smaltimento di rifiuti speciali”. Il responsabile tecnico della ditta, un 49enne residente in provincia di Monza, e il proprietario del sito industriale, anch’egli 49enne, residente in provincia di Verona, sono stati denunciati.

L’assessore all’Ambiente e Clima della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, plaude alle forze dell’ordine e, in particolare, al Nucleo operativo ecologico (Noe) dei carabinieri di Milano “per aver individuato e posto sotto sequestro un capannone privo di autorizzazioni in cui erano stoccati rifiuti in maniera illegale in uno stabilimento industriale di Cornaredo”.

“E’ il segno che l’attenzione è sempre alta da parte delle istituzioni – ha concluso Cattaneo – e delle autorità competenti che stanno vigilando perchè è la criminalità in Lombardia non trovi mai un terreno fertile in un settore importantissimo come quello legato al rispetto delle regole in ambito ambientale”.