sabato 23 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Marea nera in California, la causa è un’apertura nell’oleodotto sottomarino

Secondo la Guardia costiera americana, sarebbe stata l’ancora di una nave cargo a provocare la rottura del condotto

Sarebbe stato un colpo di ancora di una nave cargo a rompere l’oleodotto della piattaforma Elly, davanti a Huntington Beach, nella bassa California, e a provocare venerdì scorso una delle fuoriuscite di petrolio più drammatiche della storia californiana.

La notizia arriva dal Los Angeles Times che ha riportato i risultati di un’ispezione compiuta dalla Guardia Costiera americana su una nave ad Oakland. L’azienda Amplify Energy, che possiede l’oleodotto e le piattaforme Elly, ha affermato che secondo le analisi “il petrolio sarebbe colato attraverso uno squarcio di 33 centimetri nell’oleodotto, che sembrerebbe spostato, quasi “tirato come un arco” rispetto a dove dovrebbe essere“. In condizioni normali, nella baia non devono sostare molte navi contemporaneamente. Ma in epoca post Covid le operazioni di consegna merci sono rallentate e l’affollamento è maggiore del solito.

Huntington Beach, paradiso dei surfisti e dimora di molte specie animali è stata sommersa da una marea nera con 572.000 litri di petrolio che hanno contaminato profondamente un’area di almeno 33 chilometri quadrati. Il lavoro tempestivo degli operatori e le barriere poste di fronte alla spiaggia non sono riusciti a contenere gli effetti negativi della fuoriuscita, soprattutto a Talbert Marsh, riserva ecologica della zona, dove sono arrivate sulla costa già centinaia di pesci e uccelli senza vita. E i problemi persisteranno ancora a lungo sulle specie animali e vegetali della zona, molto frequentata anche da balene in migrazione.

Il sindaco Kim Carr ha fatto sapere che “le spiagge fino a Newport Beach potranno rimanere chiuse per intere settimane, forse mesi” e ha definito l’evento una vera “catastrofe”. Effetti negativi anche sull’economia locale, visto che la terza giornata del Pacific Airshow è stata cancellata per permettere le operazioni sulla costa.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Verso G20 di Roma e Cop26, Legambiente: “Urgente accelerare il processo della transizione ecologica”

Per l’associazione servono più comunità energetiche, parchi eolici, economia circolare, mobilità elettrica, cicli produttivi che non consumano più fonti fossili. Il 23 ottobre nella capitale flash mob per richiamare l’attenzione dei leader politici

QualEnergia SETTEMBRE/OTTOBRE 2021

FOCUS KEY ENERGY 2021 Fiera internazionale del clima, rinnovabili, efficienza e mobilità; Rimini 26-29 ottobre RINNOVABILI CONTRO IL CARO BOLLETTE In vista della Cop26 accelerare sul contenimento...

Turismo sostenibile, investimenti da un milione di euro per la cooperativa Fairbnb

Grazie al supporto assicurato da Fondo Sviluppo, SEFEA Impact e Coopfond. Prenotando un alloggio su Fairbnb.coop chi viaggia ora avrà l'opportunità di contribuire alla campagna di crowdfunding “Alleva la speranza +”

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Verso G20 di Roma e Cop26, Legambiente: “Urgente accelerare il processo della transizione ecologica”

Per l’associazione servono più comunità energetiche, parchi eolici, economia circolare, mobilità elettrica, cicli produttivi che non consumano più fonti fossili. Il 23 ottobre nella capitale flash mob per richiamare l’attenzione dei leader politici

Turismo sostenibile, investimenti da un milione di euro per la cooperativa Fairbnb

Grazie al supporto assicurato da Fondo Sviluppo, SEFEA Impact e Coopfond. Prenotando un alloggio su Fairbnb.coop chi viaggia ora avrà l'opportunità di contribuire alla campagna di crowdfunding “Alleva la speranza +”

Borghi d’Italia, presentato in Senato un protocollo per valorizzare turismo e cultura

I principali obiettivi sono progetti di sviluppo sostenibile, coinvolgimento delle comunità e nuovi posti di lavoro. Tra le associazioni firmatarie anche Legambiente: "I territori siano centrali nella transizione ecologica e digitale e non restino al margine della scommessa del Pnrr"

Stadi e impianti sportivi in Italia, il 60% costruito prima del 1980

Dal mensile - In Italia ci sono circa centomila impianti sportivi, il 60% costruito prima del 1980. Riqualificarli, evitando nuovo cemento, è la tattica vincente. Per tutti

Giochi senza impatto

Dal mensile - I testimonial green prendono campo nello sport. E con “Ecoevents” anche le grandi manifestazioni diventeranno sostenibili
Ridimensiona font
Contrasto