giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Disastro ambientale alle Mauritius, l’impegno dei volontari

Sono arrivati da tutto il paese, mettendo a rischio la propria salute per cercare di salvare un patrimonio naturale dal valore inestimabile. I volontari, nelle isole Mauritius, sono accorsi in migliaia nei pressi della barriera corallina di Pointe d’Esny dove la petroliera giapponese MV Wakashio si è incagliata il 25 luglio, cominciando poi a perdere petrolio in acqua il 6 agosto prima di spezzarsi completamente in due la settimana seguente. Da quel momento, circa 3000 tonnellate di petrolio si sono sparse nelle acque cristalline di un angolo incontaminato dell’Oceano Indiano.

I residenti stanno lavorando incessantemente con ogni mezzo disponibile per contenere il disastro ambientale, rimuovendo fisicamente quanto più petrolio possibile anche dalle mangrovie. Intanto, per prevenire la diffusione della chiazza e assorbire il petrolio in acqua, sono state costruite delle barriere galleggianti, composte di paglia, foglie di canna da zucchero essiccate e capelli, donati volontariamente dagli abitanti dell’isola.

 

L’esposizione prolungata agli idrocarburi e alle tossine contenuti nel greggio rappresenta però, oltre a un danno per l’ambiente, anche un serio rischio per la salute umana: cancro, malformazioni fetali, neuropatologie e disturbi del sistema immunitario sono conseguenze possibili. Eppure, i volontari stanno lavorando 24 ore su 24 per ridurre al minimo i danni ambientali, pur non essendo adeguatamente preparati e protetti, senza i corretti sistemi di sicurezza. Il medico di base locale ha dichiarato a The NewDaily di aver curato circa 150 persone che nel corso delle operazioni hanno accusato asma, mal di testa, vertigini, nausea, ferite agli occhi, tagli, graffi o eruzioni cutanee. Non si hanno dati certi, ma con il loro lavoro sono già state recuperate diverse centinaia di tonnellate di greggio.

Ancora non è stato possibile stimare i danni ambientali dell’evento, anche se, secondo alcuni esperti, la natura potrebbe essere più resiliente di quanto possiamo immaginare.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto