sabato 8 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Disastro ambientale alle Mauritius, l’impegno dei volontari

Sono arrivati da tutto il paese, mettendo a rischio la propria salute per cercare di salvare un patrimonio naturale dal valore inestimabile. I volontari, nelle isole Mauritius, sono accorsi in migliaia nei pressi della barriera corallina di Pointe d’Esny dove la petroliera giapponese MV Wakashio si è incagliata il 25 luglio, cominciando poi a perdere petrolio in acqua il 6 agosto prima di spezzarsi completamente in due la settimana seguente. Da quel momento, circa 3000 tonnellate di petrolio si sono sparse nelle acque cristalline di un angolo incontaminato dell’Oceano Indiano.

I residenti stanno lavorando incessantemente con ogni mezzo disponibile per contenere il disastro ambientale, rimuovendo fisicamente quanto più petrolio possibile anche dalle mangrovie. Intanto, per prevenire la diffusione della chiazza e assorbire il petrolio in acqua, sono state costruite delle barriere galleggianti, composte di paglia, foglie di canna da zucchero essiccate e capelli, donati volontariamente dagli abitanti dell’isola.

 

L’esposizione prolungata agli idrocarburi e alle tossine contenuti nel greggio rappresenta però, oltre a un danno per l’ambiente, anche un serio rischio per la salute umana: cancro, malformazioni fetali, neuropatologie e disturbi del sistema immunitario sono conseguenze possibili. Eppure, i volontari stanno lavorando 24 ore su 24 per ridurre al minimo i danni ambientali, pur non essendo adeguatamente preparati e protetti, senza i corretti sistemi di sicurezza. Il medico di base locale ha dichiarato a The NewDaily di aver curato circa 150 persone che nel corso delle operazioni hanno accusato asma, mal di testa, vertigini, nausea, ferite agli occhi, tagli, graffi o eruzioni cutanee. Non si hanno dati certi, ma con il loro lavoro sono già state recuperate diverse centinaia di tonnellate di greggio.

Ancora non è stato possibile stimare i danni ambientali dell’evento, anche se, secondo alcuni esperti, la natura potrebbe essere più resiliente di quanto possiamo immaginare.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

Giornata mondiale degli uccelli migratori, tanti esemplari a rischio

Ricorre l'8 maggio ed è stata creata per sensibilizzare alla tutela della biodiversità e degli habitat in cui l'avifauna vive. Un fine settimana pieno di iniziative

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Sex and the cancer, contro ogni tabù

C’è un aspetto nella diagnosi di cancro di cui ancora troppo poco si parla: come cambia la sessualità con e dopo il tumore. Appuntamento all’11 maggio con un convegno sul tema

L’87% dei cittadini di Roma e Milano chiede più spazi verdi

È quanto emerge dai dati italiani del sondaggio europeo YouGov, commissionata dal movimento europeo Clean Cities di cui fanno parte Legambiente e Kyoto Club. Firma la petizione per una mobilità a zero emissioni

Dal 2 all’8 maggio la Settimana internazionale sulla consapevolezza del compost

Obiettivo dell'iniziativa, che si conclude l'8 maggio, è creare consapevolezza sui vantaggi dell'uso del compost e del recupero valorizzato di sostanze organiche per la società civile, il suolo e l'ambiente. Anche quest'anno tra i promotori c'è il Consorzio italiano compostatori
Ridimensiona font
Contrasto