Disarmo umanitario, la lettera di 145 organizzazioni per un nuovo inizio

Il denaro investito in armi sarebbe meglio speso per scopi umanitari, per includere diversità e disuguaglianze, esacerbate dal Covid-19 / Disarmo necessario

Più di 145 organizzazioni della società civile internazionale (tra cui la Rete Italiana per il Disarmo) hanno pubblicato una lettera congiunta in cui affermano che il disarmo umanitario aprirebbe la strada a un mondo post-pandemico migliore. 

Sostenuta da campagne globali che hanno ottenuto due premi Nobel per la pace e promosso la creazione di quattro Trattati internazionali negli ultimi 25 anni, la lettera sottolinea come il collaudato approccio del disarmo umanitario incentrato sull’uomo dovrebbe guidare gli sforzi attuali e futuri per affrontare la pandemia e far progredire la sicurezza umana. Il disarmo umanitario cerca di ridurre la sofferenza umana e i danni ambientali causati dalle armi. “Il denaro investito in armi inaccettabili sarebbe meglio speso per scopi umanitari” si legge nel testo.

Il COVID-19 ha esacerbato le disuguaglianze e ha presentato nuove sfide per i sopravvissuti ai conflitti e per altre persone con disabilità. La lettera mette in guardia anche contro l’emarginazione radicata e strutturale, e per questo chiede misure inclusive e non discriminatorie per portare le comunità colpite nel processo decisionale del rilancio post-pandemia.

La lettera si conclude con un appello a dare priorità alla sicurezza umana, a destinare le spese alle cause umanitarie, a lavorare per eliminare le disuguaglianze, a garantire che i forum multilaterali incorporino voci diverse e a portare una mentalità cooperativa ai problemi pratici e politici.    

Tra i primi firmatari della lettera vi sono realtà che hanno condotto campagne di disarmo umanitario con centinaia di organizzazioni parte delle loro reti. Tra queste la International Campaign to Ban Landmines–Cluster Munition Coalition (campagna contro le mine e le munizioni cluster) e la International Campaign to Abolish Nuclear Weapons (contro le armi nucleari) hanno ricevuto il Premio Nobel per la Pace rispettivamente nel 1997 e nel 2017. Anche la Campaign to Stop Killer Robots, Control Arms e la International Network on Explosive Weapons sono tra i primi firmatari della lettera. Si tratta di campagne e mobilitazioni internazionali di cui Rete Italiana per il Disarmo è parte attiva.

Tra i principali e più recenti Trattati di disarmo umanitario occorre ricordare il Trattato per la messa al bando delle mine (1997), la Convenzione sulle munizioni a grappolo (2008), il Trattato sul commercio di armi (2013) e il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari (2017).

La lettera rimane aperta alla firma da parte delle organizzazioni della società civile di tutto il mondo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE