martedì 26 Gennaio 2021

Diritti umani, vent’anni dopo

La “Dichiarazione sui diritti e le responsabilità degli individui, dei gruppi e delle istituzioni sociali per promuovere e proteggere i diritti umani e le libertà fondamentali universalmente riconosciuti”, nota come “Dichiarazione sui difensori dei diritti umani”, venne adottata il 9 dicembre 1998 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Un ventennale che ricorre quest’anno, riportando l’attenzione sulle conquiste di questa carta, alla luce di una battaglia ancora in corso per il pieno riconoscimento dei diritti umani nel mondo.

Non si tratta di un trattato ufficiale, ma di un traguardo che ha segnato il riconoscimento di alcuni principi: il diritto di essere informati riguardo alle libertà fondamentali e ai diritti umani; la protezione sia degli individui sia delle associazioni che protestano contro le violazioni dei diritti umani; la promozione e la protezione, attraverso mezzi pacifici, dei diritti e delle libertà fondamentali.

Ai difensori dei diritti umani è andato, recentemente, un ringraziamento speciale da parte del segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, che ha affermato: “Ricordo agli Stati membri la responsabilità di assicurare che i difensori dei diritti umani possano operare senza paura né intimidazioni”. Purtroppo, come raccontano con le loro testimonianze leader dei movimenti indigeni e associazioni impegnate nel mondo, la realtà è molto diversa. E il prezzo che pagano le persone impegnate a difendere questi diritti è spesso il più alto possibile: quello della vita.

Articoli correlati

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente