martedì 26 Gennaio 2021

Diritti tumefatti

una foto del volto tumefatto di Stefano Cucchi/Alessandro Borghi

Innanzitutto bisogna vederlo “Sulla mia pelle”. È un bel film, duro e drammatico, perché dura, drammatica e inaccettabile è la storia di Stefano Cucchi e la via crucis che ha dovuto affrontare la sua famiglia. Ci sono belle scelte stilistiche che consentono al regista Alessio Cremonini di raccontare con tono pacato (“non è un film partigiano” ha detto, ed è vero), senza cedimenti alla violenza che siamo abituati a vedere nei prodotti hollywoodiani. C’è un volto tumefatto, sempre in primo piano, che quando le luci si riaccendono ti rimane dentro, segno indelebile di un’ingiustizia insanabile. Una vita distrutta. Come distrutta è la vita della sua famiglia.

Ma a emergere è soprattutto il racconto, senza urli né ricerca di scandalismo, pacato appunto, di una storia che è lo specchio fedele e impietoso dell’Italia contemporanea. Non l’abuso, l’arroganza del potere da parte di alcuni corpi dello Stato che si sentono al di sopra della legge, giustizieri che si assumono l’onere di sostituirsi al buon Dio (e quanti ne vedremo nei prossimi anni di questi “giustizieri” che dai decreti governativi sulle armi avranno la licenza di uccidere). O meglio, tutto questo c’è e suscita le giuste e legittime reazioni a cui stiamo assistendo nell’esplosione delle proiezioni sociali, organizzate in giro per l’Italia dai soggetti più diversi, in modo spontaneo senza che nessuno si sia messo d’accordo, come una sorgente che sgorga improvvisa in un campo, rubandolo al deserto. Proiezioni considerate “pirata” dalla produzione, come se si potesse privatizzare un sentimento sociale di giustizia. La produzione stessa dall’esplosione di questo movimento non può che trarne il legittimo vantaggio, perché in una società vivace e reattiva ogni prodotto che dialoga con questa non può che trovare nuovi spazi di mercato.

Tutto ciò è certamente vero, ma quello che io ho visto nel film è soprattutto la storia di una famiglia che vive in periferia, fra le contraddizioni e i rischi “normali” delle nostre borgate, completamente disarmata di fronte alle rigide regole della burocrazia, alla freddezza della formalità della legge. Sembra che per ottenere il rispetto dei propri diritti bisogna avere le conoscenze adeguate. Ecco perché la cosa che più mi ha colpito del film è l’immagine disperante dei genitori di Stefano di fronte alla porta sbarrata del reparto di “Medicina protetta” dell’ospedale Pertini di Roma: respinti da un citofono parlante, che dichiara irricevibile la loro umana e legittima richiesta di vedere il figlio, che hanno capito star male, senza fornire alcuna indicazione sulle procedure da seguire. Soli di fronte alla disumanizzante violenza della burocrazia e del potere. È questa, oggi, l’essenza di una società sempre più segnata dalle disuguaglianze sociali, che diventano disuguaglianze fra chi sa come muoversi e chi no. Un’ignoranza che moltiplica l’ingiustizia sociale che domina l’Italia.

Articoli correlati

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente