giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Direttiva quadro “Acque”, la situazione italiana

Secondo una recente pubblicazione dell’Agenzia europea dell’ambiente, gli impatti chiave che i cambiamenti climatici avranno sull’Europa riguardano l’aumento di siccità, forti piogge e inondazioni. Il prossimo decennio sarà cruciale per contrastare la crisi climatica e proteggere l’ambiente. In questo scenario l’acqua assume un ruolo strategico e prioritario, da tutelare, preservare e garantire per tutti i suoi usi.

In particolar modo i fiumi, con la loro funzione di raccordo naturale fra le alte montagne e il mare, sono al centro della sfida come racconta il nostro mensile in queste pagine. In base ai monitoraggi eseguiti per la direttiva quadro “Acque”, lo stato attuale dei corpi idrici italiani vede solo il 43% dei 7.494 fiumi in “buono o elevato stato ecologico”, il 41% è al di sotto dell’obiettivo di qualità previsto e ben il 16% non è neanche stato classificato. Lo stato chimico non è buono per il 7% dei fiumi. Capire, dallo stato ecologico assegnato o dal tipo di inquinamento identificato, le misure necessarie per il mantenimento o il ripristino della buona qualità di un corpo idrico, rappresenta un cambio radicale di paradigma, che mette l’acqua al centro delle politiche da adottare.

Il Green deal presentato dalla Commissione europea sembra andare in questa direzione grazie al piano di azione “Inquinamento zero”. Per raggiungere nello specifico il traguardo “acqua pulita”, le priorità d’azione riguardano la salvaguardia della biodiversità in laghi, fiumi e acque dolci e la riduzione dell’inquinamento da nutrienti, microplastiche, farmaci e contaminanti emergenti, che stanno diventando un problema globale come il cambiamento climatico. Una parte importante delle ingenti risorse che arriveranno al nostro Paese deve finanziare il Green deal italiano, recuperando i ritardi infrastrutturali e gli interventi per rimetterci nella direzione delle direttive comunitarie: dall’adeguamento ed efficientamento degli impianti di depurazione, della rete fognaria e acquedottistica agli interventi di adattamento e riduzione del rischio idrogeologico, passando alla bonifica dei siti inquinati. Per far questo, però, la direttiva quadro “Acque”, sotto revisione degli Stati membri in questi mesi, deve essere supportata e rafforzata mantenendo ambiziosi gli obiettivi fissati originariamente. Il tentativo di indebolimento con ulteriore slittamento dei termini per il raggiungimento della buona qualità ecologica e chimica dei corpi idrici non deve avvenire.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Andrea Minutolo
Responsabile scientifico di Legambiente

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto