domenica 17 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Dieta mediterranea, una lente per il futuro

Patrimonio Unesco dal 2010, il nostro modello nutrizionale è fondato su un regime vario ed equilibrato a base di vegetali e prodotti a km0

di Valerio Calabrese – direttore Museo vivente della dieta mediterranea

È ormai chiaro a tutti che il cambiamento climatico si può contrastare anche a tavola, attraverso l’adozione di diete più sane e sostenibili e con la riduzione delle perdite e degli sprechi di cibo. In questo senso, un modello di riferimento è senza dubbio la dieta mediterranea, già patrimonio Unesco dal 2010, fondata su un regime vario ed equilibrato, a base di vegetali, e sulla scelta di prodotti stagionali a km 0. Per toccare con mano i benefici di questo stile di vita basta visitare la sua patria per eccellenza, il Cilento, terra di centenari. E fare un salto a Pioppi al Museo della dieta mediterranea, gestito da Legambiente e nato come tributo del Comune di Pollica ad Ancel Keys, biologo statunitense che visse lì per quarant’anni portando avanti i suoi studi sulla dieta mediterranea.

La struttura museale, che ospita anche il Museo vivo del mare, è a tutti gli effetti luogo di divulgazione ed educazione alimentare, con un’esposizione permanente, laboratori e manifestazioni, una su tutte l’annuale “Festival della dieta mediterranea”. Ognuno di noi può fare tanto per contribuire a un mondo più sostenibile, migliorando allo stesso tempo la qualità della propria vita. A spiegarlo bene è la Fao con i suoi dodici consigli per un’alimentazione sostenibile, fra cui: scegliere prodotti vegetali; mangiare in modo vario; consumare cinque porzioni di frutta e verdura al giorno; limitare il consumo di cibo confezionato; aumentare l’apporto di cereali integrali ed evitare bibite zuccherate. L’emergenza legata al Covid-19 ha avuto fra gli effetti quello di accelerare il processo di revisione degli stili alimentari. Secondo il rapporto “Coop 2020”, quasi un consumatore su due è oggi intenzionato ad acquistare prodotti made in Italy sostenibili (42%) e salutari (38%). Bisogna allora incoraggiare queste tendenze, accompagnandole a programmi strutturali per far sì che il consumo di cibo sostenibile diventi sempre più diffuso e meno “elitario”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Cinque anni di Premio nazionale “Verso un’economia circolare”

Iscrizioni aperte dal 24 settembre al 26 novembre 2021 per la quinta edizione che vede tra i promotori Fondazione Cogeme e Kyoto Club. BANDO INTEGRALE - SCHEDA DI PARTECIPAZIONE

Coldplay, tour mondiale a basso impatto

Consapevole della crisi climatica, la band britannica punta su ridotte emissioni di anidride carbonica, energia da fonti rinnovabili, coriandoli biodegradabili e sconti per chi raggiunge i concerti senza gravare sull'ambiente

Ecoturismo, gli Oscar di Legambiente alle migliori esperienze sostenibili e inclusive

Dall’Atlante della Mobilità Dolce all’app per scoprire un’area marina protetta, dagli orti sociali al book crossing: riconoscimenti a 5 strutture ricettive, 4 aree protette, una personalità e 2 network

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Coldplay, tour mondiale a basso impatto

Consapevole della crisi climatica, la band britannica punta su ridotte emissioni di anidride carbonica, energia da fonti rinnovabili, coriandoli biodegradabili e sconti per chi raggiunge i concerti senza gravare sull'ambiente

Ecoturismo, gli Oscar di Legambiente alle migliori esperienze sostenibili e inclusive

Dall’Atlante della Mobilità Dolce all’app per scoprire un’area marina protetta, dagli orti sociali al book crossing: riconoscimenti a 5 strutture ricettive, 4 aree protette, una personalità e 2 network

Rinnovabili, Cingolani: “In Italia 3 gigawatt di impianti bloccati dalle Soprintendenze”

Il ministro nel suo intervento in Commissione Ambiente: "Rispetto assoluto per il paesaggio, ma anche per la lotta al cambiamento climatico. Dobbiamo raggiungere l'obiettivo del 72% di fonti pulite al 2030"

Roma, i bus turistici tornano nella zona a traffico limitato

Lo ha deciso il Tar del Lazio con la sospensione del divieto di circolazione. Le associazioni: "Sono mezzi vecchi e inquinanti. Rifiutiamo fermamente proposte di riapertura, con aumento di emissioni che sono già costate alla collettività procedure di infrazione da parte della Comunità Europea"

ECOSISTEMA SCUOLA

Presentazione del XXI Rapporto di Legambiente sulla qualità dell'edilizia scolastica e dei servizi
Ridimensiona font
Contrasto