giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Dieta mediterranea, una lente per il futuro

Patrimonio Unesco dal 2010, il nostro modello nutrizionale è fondato su un regime vario ed equilibrato a base di vegetali e prodotti a km0

di Valerio Calabrese – direttore Museo vivente della dieta mediterranea

È ormai chiaro a tutti che il cambiamento climatico si può contrastare anche a tavola, attraverso l’adozione di diete più sane e sostenibili e con la riduzione delle perdite e degli sprechi di cibo. In questo senso, un modello di riferimento è senza dubbio la dieta mediterranea, già patrimonio Unesco dal 2010, fondata su un regime vario ed equilibrato, a base di vegetali, e sulla scelta di prodotti stagionali a km 0. Per toccare con mano i benefici di questo stile di vita basta visitare la sua patria per eccellenza, il Cilento, terra di centenari. E fare un salto a Pioppi al Museo della dieta mediterranea, gestito da Legambiente e nato come tributo del Comune di Pollica ad Ancel Keys, biologo statunitense che visse lì per quarant’anni portando avanti i suoi studi sulla dieta mediterranea.

La struttura museale, che ospita anche il Museo vivo del mare, è a tutti gli effetti luogo di divulgazione ed educazione alimentare, con un’esposizione permanente, laboratori e manifestazioni, una su tutte l’annuale “Festival della dieta mediterranea”. Ognuno di noi può fare tanto per contribuire a un mondo più sostenibile, migliorando allo stesso tempo la qualità della propria vita. A spiegarlo bene è la Fao con i suoi dodici consigli per un’alimentazione sostenibile, fra cui: scegliere prodotti vegetali; mangiare in modo vario; consumare cinque porzioni di frutta e verdura al giorno; limitare il consumo di cibo confezionato; aumentare l’apporto di cereali integrali ed evitare bibite zuccherate. L’emergenza legata al Covid-19 ha avuto fra gli effetti quello di accelerare il processo di revisione degli stili alimentari. Secondo il rapporto “Coop 2020”, quasi un consumatore su due è oggi intenzionato ad acquistare prodotti made in Italy sostenibili (42%) e salutari (38%). Bisogna allora incoraggiare queste tendenze, accompagnandole a programmi strutturali per far sì che il consumo di cibo sostenibile diventi sempre più diffuso e meno “elitario”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto