sabato 28 Novembre 2020

Dieta mediterranea, una lente per il futuro

Patrimonio Unesco dal 2010, il nostro modello nutrizionale è fondato su un regime vario ed equilibrato a base di vegetali e prodotti a km0

di Valerio Calabrese – direttore Museo vivente della dieta mediterranea

È ormai chiaro a tutti che il cambiamento climatico si può contrastare anche a tavola, attraverso l’adozione di diete più sane e sostenibili e con la riduzione delle perdite e degli sprechi di cibo. In questo senso, un modello di riferimento è senza dubbio la dieta mediterranea, già patrimonio Unesco dal 2010, fondata su un regime vario ed equilibrato, a base di vegetali, e sulla scelta di prodotti stagionali a km 0. Per toccare con mano i benefici di questo stile di vita basta visitare la sua patria per eccellenza, il Cilento, terra di centenari. E fare un salto a Pioppi al Museo della dieta mediterranea, gestito da Legambiente e nato come tributo del Comune di Pollica ad Ancel Keys, biologo statunitense che visse lì per quarant’anni portando avanti i suoi studi sulla dieta mediterranea.

La struttura museale, che ospita anche il Museo vivo del mare, è a tutti gli effetti luogo di divulgazione ed educazione alimentare, con un’esposizione permanente, laboratori e manifestazioni, una su tutte l’annuale “Festival della dieta mediterranea”. Ognuno di noi può fare tanto per contribuire a un mondo più sostenibile, migliorando allo stesso tempo la qualità della propria vita. A spiegarlo bene è la Fao con i suoi dodici consigli per un’alimentazione sostenibile, fra cui: scegliere prodotti vegetali; mangiare in modo vario; consumare cinque porzioni di frutta e verdura al giorno; limitare il consumo di cibo confezionato; aumentare l’apporto di cereali integrali ed evitare bibite zuccherate. L’emergenza legata al Covid-19 ha avuto fra gli effetti quello di accelerare il processo di revisione degli stili alimentari. Secondo il rapporto “Coop 2020”, quasi un consumatore su due è oggi intenzionato ad acquistare prodotti made in Italy sostenibili (42%) e salutari (38%). Bisogna allora incoraggiare queste tendenze, accompagnandole a programmi strutturali per far sì che il consumo di cibo sostenibile diventi sempre più diffuso e meno “elitario”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,147FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Armi, secondo la Legge di Bilancio nel 2021 verranno spesi 6 miliardi di euro

Campagna Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo: "Per noi è chiaro. Più sanità e istruzione, meno armamenti"

Alluvione a Crotone, “per l’emergenza climatica il tempo è scaduto”

Appello di Legambiente Calabria dopo l'ennessimo disastro ambientale nella città calabrese. La presidente Anna Parretta: "Indispensabile che la Regione Calabria affronti l’emergenza climatica a partire dai nodi irrisolti del dissesto idrogeologico, dell’abusivismo edilizio e delle scelte urbanistico-edilizie totalmente errate”