sabato 8 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Dieta mediterranea, una lente per il futuro

Patrimonio Unesco dal 2010, il nostro modello nutrizionale è fondato su un regime vario ed equilibrato a base di vegetali e prodotti a km0

di Valerio Calabrese – direttore Museo vivente della dieta mediterranea

È ormai chiaro a tutti che il cambiamento climatico si può contrastare anche a tavola, attraverso l’adozione di diete più sane e sostenibili e con la riduzione delle perdite e degli sprechi di cibo. In questo senso, un modello di riferimento è senza dubbio la dieta mediterranea, già patrimonio Unesco dal 2010, fondata su un regime vario ed equilibrato, a base di vegetali, e sulla scelta di prodotti stagionali a km 0. Per toccare con mano i benefici di questo stile di vita basta visitare la sua patria per eccellenza, il Cilento, terra di centenari. E fare un salto a Pioppi al Museo della dieta mediterranea, gestito da Legambiente e nato come tributo del Comune di Pollica ad Ancel Keys, biologo statunitense che visse lì per quarant’anni portando avanti i suoi studi sulla dieta mediterranea.

La struttura museale, che ospita anche il Museo vivo del mare, è a tutti gli effetti luogo di divulgazione ed educazione alimentare, con un’esposizione permanente, laboratori e manifestazioni, una su tutte l’annuale “Festival della dieta mediterranea”. Ognuno di noi può fare tanto per contribuire a un mondo più sostenibile, migliorando allo stesso tempo la qualità della propria vita. A spiegarlo bene è la Fao con i suoi dodici consigli per un’alimentazione sostenibile, fra cui: scegliere prodotti vegetali; mangiare in modo vario; consumare cinque porzioni di frutta e verdura al giorno; limitare il consumo di cibo confezionato; aumentare l’apporto di cereali integrali ed evitare bibite zuccherate. L’emergenza legata al Covid-19 ha avuto fra gli effetti quello di accelerare il processo di revisione degli stili alimentari. Secondo il rapporto “Coop 2020”, quasi un consumatore su due è oggi intenzionato ad acquistare prodotti made in Italy sostenibili (42%) e salutari (38%). Bisogna allora incoraggiare queste tendenze, accompagnandole a programmi strutturali per far sì che il consumo di cibo sostenibile diventi sempre più diffuso e meno “elitario”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

Giornata mondiale degli uccelli migratori, tanti esemplari a rischio

Ricorre l'8 maggio ed è stata creata per sensibilizzare alla tutela della biodiversità e degli habitat in cui l'avifauna vive. Un fine settimana pieno di iniziative

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Sex and the cancer, contro ogni tabù

C’è un aspetto nella diagnosi di cancro di cui ancora troppo poco si parla: come cambia la sessualità con e dopo il tumore. Appuntamento all’11 maggio con un convegno sul tema

L’87% dei cittadini di Roma e Milano chiede più spazi verdi

È quanto emerge dai dati italiani del sondaggio europeo YouGov, commissionata dal movimento europeo Clean Cities di cui fanno parte Legambiente e Kyoto Club. Firma la petizione per una mobilità a zero emissioni

Dal 2 all’8 maggio la Settimana internazionale sulla consapevolezza del compost

Obiettivo dell'iniziativa, che si conclude l'8 maggio, è creare consapevolezza sui vantaggi dell'uso del compost e del recupero valorizzato di sostanze organiche per la società civile, il suolo e l'ambiente. Anche quest'anno tra i promotori c'è il Consorzio italiano compostatori
Ridimensiona font
Contrasto