sabato 27 Novembre 2021

Acquista

Login

Registrati

A tre anni dal dieselgate nessuna giustizia per i cittadini

Dieselgate La Commissione Ue Accusa Le Case Auto Manipolano I Test Wltp

Tre anni dopo lo scoppio dello scandalo Dieselgate, milioni di consumatori italiani ed europei sono ancora in attesa dei risarcimenti. A denunciarlo è il Movimento Difesa del Cittadino (MDC).

Era il 18 settembre del 2015 quando negli Stati Uniti l’EPA (Environmental Protection Agency) scoprì che il Gruppo Volkswagen, all’insaputa dei proprietari dei veicoli e delle autorità preposte ai controlli, aveva installato un software per ridurre le emissioni di ossido di azoto dei motori diesel in fase di verifica. I modelli coinvolti erano quelli con propulsore EA189 prodotti dal 2009 al 2015  e montati su modelli della casa madre Volkswagen, ma anche del gruppo come Skoda, Audi e Seat.

Tre anni dopo, nonostante siano state dimostrate le responsabilità del Gruppo Volkswagen e degli altri marchi coinvolti nello scandalo, per i consumatori non c’è stata alcuna giustizia.

Il presidente nazionale del Movimento, Francesco Luongo, ha ricordato la portata del caso, puntando il dito contro la potente lobby automobilistica. “Si è trattato del più grande scandalo della storia automobilistica mondiale con il ritiro di circa 800mila vetture e di una delle più grandi ingiustizie mai subite dai consumatori italiani e della UE – ha spiegato – Se infatti il Gruppo Volkswagen negli USA ha patteggiato una multa di 4,3 miliardi di euro e pagato 14,7 miliardi di dollari per i risarcimenti ai 475.000 clienti dei modelli con i motori 2.0TDI, più un altro miliardo per gli 83.000 motori 3.0 V6 TDI, in Italia e nella UE i proprietari dei veicoli non si sono visti riconoscere nulla a dimostrazione della potenza della lobby automobilistica”.

In Italia, a seguito delle segnalazione del Movimento Difesa del Cittadino all’Antitrust, il Gruppo Volkswagen ha dovuto pagare una sanzione per pratiche commerciali scorrette pari a  5 milioni di euro. Ma secondo il Movimento si tratta di una cifra irrisoria, specie se paragonata alla multa da un miliardo di euro irrogata dalla Procura di Stato tedesca di Braunschweig. A ciò si aggiunge la sentenza espressa dal tribunale che non prevede “danni punitivi” per le aziende scorrette. L’ultima possibilità per far valere i diritti dei consumatori è che abbia buon esito l’inchiesta penale in corso presso la Procura di Verona. La speranza del Movimento Difesa del Cittadino è che questa inchiesta faccia finalmente piena luce sui reati commessi dal Gruppo Volkswagen permettendo ai proprietari delle auto di ottenere giustizia.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Premio Luisa Minazzi Ambientalista dell’anno 2021

A Casale Monferrato dal 27 novembre al 4 dicembre il consueto appuntamento con il festival delle realtà virtuose. C'è ancora tempo fino al 28 novembre per votare sul sito www.premioluisaminazzi.it

Economia circolare, 200 cittadini attivi in tutta Italia per il progetto “New Life”

Sostenuto da Crédit Agricole Italia e Legambiente, è volto alla riqualificazione urbana ma comprende anche tutorial con consigli per stili di vita sostenibili, dalla cucina degli scarti alla cosmesi naturale

FORUM QUALENERGIA SICILIA

Dalle 9.30 Forum Qualenergia Sicilia in diretta da Palermo. Un’occasione per confrontarsi con il mondo delle rinnovabili, per collaborare nella costruzione di un quadro normativo e di strumenti e azioni finalizzate a supportare il capitale tecnologico e umano necessario allo sviluppo sostenibile dell’isola.

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Economia circolare, 200 cittadini attivi in tutta Italia per il progetto “New Life”

Sostenuto da Crédit Agricole Italia e Legambiente, è volto alla riqualificazione urbana ma comprende anche tutorial con consigli per stili di vita sostenibili, dalla cucina degli scarti alla cosmesi naturale

FORUM QUALENERGIA SICILIA

Dalle 9.30 Forum Qualenergia Sicilia in diretta da Palermo. Un’occasione per confrontarsi con il mondo delle rinnovabili, per collaborare nella costruzione di un quadro normativo e di strumenti e azioni finalizzate a supportare il capitale tecnologico e umano necessario allo sviluppo sostenibile dell’isola.

FORUM ECONOMIA CIRCOLARE TOSCANA

Dalle 9,00 la sesta edizione dell'Ecoforum Toscana. L'esperienza virtuosa di Prato circular city che ha come obiettivo l'accelerazione nella transizione ecologica della città. Innovazione e sostenibilità nella mission dei gestori, in attesa del nuovo Prb. Il racconto dai distretti (cartario, tessile, lapideo, vitivinicolo), le politiche per la riduzione degli sprechi, la gestione dei rifiuti urbani e l’analisi dei flussi sugli speciali

Mediateca delle Terre, un archivio per la cultura contadina

Crocevia inaugura a Roma l’Archivio e Mediateca delle Terre: oltre mezzo secolo di storia contadina in duemila filmati, fotografie, diapositive, libri e riviste da tutto il mondo

Agroecologia, la pastora Assunta Valente premiata ambasciatrice del territorio da Legambiente

Il riconoscimento in occasione del III Forum nazionale dell'Agroecologia Circolare di Legambiente. L'imprenditrice, che svolge la sua attività sulla montagna del frusinate al confine con il Parco d’Abruzzo Lazio e Molise, da tempo è vittima di atti intimidatori. L'appello della documentarista Anna Kauber: "Non lasciamola sola"
Ridimensiona font
Contrasto