giovedì, Ottobre 22, 2020

Diesel in retromarcia

immagine di traffico automobilistico

In Italia si fa poco e di malavoglia per migliorare la qualità dell’aria che respiriamo. Tanto che il commissario europeo Karmenu Vella ha convocato a Bruxelles, il prossimo 30 gennaio, gli Stati membri in procedura di infrazione. “Questo incontro sulla qualità dell’aria – ha dichiarato Vella – è stato chiamato per tre motivi. Per proteggere i cittadini. Per chiarire che se non vi è alcun miglioramento della qualità dell’aria ci saranno conseguenze legali. E per ricordare agli Stati membri che questo percorso è alla fine di un lungo, in alcuni casi troppo lungo, periodo fatto di offerte di aiuto, consigli dati e avvertimenti fatti”. In pratica, se l’Italia non darà le adeguate garanzie, la Commissione non avrà altra scelta se non quella di multare l’Italia. Inquinati e tartassati.

È interessante evidenziare che quel poco che si è fatto ha avuto un’efficacia notevole, seppur non immediata. Ad esempio il blocco temporaneo delle auto private diesel nei giorni d’emergenza nei comuni di Torino (fino all’euro 5) e Milano (fino all’euro 4), attuato per la prima volta lo scorso 19 ottobre. I blocchi hanno influito marginalmente sulla qualità dell’aria della Pianura padana, anche perchè è stato seriamente attuato da pochi altri Comuni, ma avuto conseguenze rilevanti sull’andamento del mercato automobilistico nazionale. Fino a settembre l’andamento delle vendite di nuove auto diesel in Italia stava crescendo dell’8,5% (vendite genn-sett 2017 su stessi mesi 2016), a ottobre c’era ancora un + 0,9% (su ottobre 2016), poi – 0,1% a novembre, -7,5% a dicembre. I numeri sono tratti da una lettura delle tabelle mensili Unrae.

Anche in Italia, insomma, come già in Europa, le vendite di nuovi diesel cominciano a declinare. È interessante notare che i diesel euro 4 ed euro 5 sono stati acquistati una decine di anni fa con gli incentivi statali e regionali (rottamazione) per rendere meno inquinante il parco circolante: mai incentivi sono stati spesi così male! Si tenga presente che il nostro Paese era rimasto, nel 2017, l’unico grande mercato europeo dell’auto in cui il diesel cresceva. Fatte 100 le auto nuove vendute in Europa, i diesel sono stati 45, in Italia 56. Speriamo, anche per i nostri polmoni, nell’anno in corso: non solo meno diesel, ma più veicoli ibridi-elettrici e totalmente elettriche. Come in altri Paesi europei.

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Sviluppo “organico”, l’intervista a Massimo Centemero

Il suolo andrebbe considerato come un serbatoio di carbonio, in grado di sottrarre anidride carbonica e mitigare i cambiamenti climatici.

Economia circolare e rifiuti, è il momento di rigenerare

Il recepimento delle normative Ue e i fondi in arrivo con il Recovery fund impongono all’Italia un cambio di passo sul fronte degli impianti di riciclo e trasformazione dei rifiuti

Recovery fund, importante per il rilancio del Paese secondo il 72% degli italiani

Lo dice un'indagine Ipsos, a cura di Conou Legambiente ed Editoriale Nuova Ecologia, i cui risultati sono stati presentati questa mattina alla prima giornata di lavori di EcoForum 2020

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,878FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Sviluppo “organico”, l’intervista a Massimo Centemero

Il suolo andrebbe considerato come un serbatoio di carbonio, in grado di sottrarre anidride carbonica e mitigare i cambiamenti climatici.

Economia circolare e rifiuti, è il momento di rigenerare

Il recepimento delle normative Ue e i fondi in arrivo con il Recovery fund impongono all’Italia un cambio di passo sul fronte degli impianti di riciclo e trasformazione dei rifiuti

Recovery fund, importante per il rilancio del Paese secondo il 72% degli italiani

Lo dice un'indagine Ipsos, a cura di Conou Legambiente ed Editoriale Nuova Ecologia, i cui risultati sono stati presentati questa mattina alla prima giornata di lavori di EcoForum 2020

Fine carta mai

L’attesa approvazione dell’ultimo decreto End of waste garantirà certezze sugli investimenti alle imprese di settore. Soddisfatto Massimo Medugno, direttore generale di Assocarta: «Un’Italia più semplice è un’Italia che riduce il circular divide»

Nel cuore del Green deal

Secondo l’europarlamentare Simona Bonafé, relatrice delle direttive contenute nel pacchetto Ue sull’economia circolare, con le nuove risorse dovrà essere centrato l’obiettivo di neutralità climatica al 2050. E l’Italia dovrà porsi come Paese all’avanguardia