domenica, Novembre 1, 2020

Dieci anni per farci invertire la rotta

“L’oceano di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo”. È il motto usato dall’Onu per lanciare “Decade of ocean science for sustainable development (2021-30)”. La scelta di dedicare un decennio all’interazione fra ricerca scientifica marina e società non è casuale: l’oceano è il più grande ecosistema sul pianeta, guida il clima, supporta la vita nonché il benessere dell’umanità. Ma è anche un ecosistema degradato, il cui declino provocherebbe quello della nostra stessa civiltà. I fattori di stress su questo ecosistema sono poi destinati ad aumentare man mano che la popolazione umana crescerà. Le attività economiche marittime si intensificheranno e così il prelievo di risorse e il rilascio di rifiuti da parte dell’umanità, che dovrà sopravvivere in un pianeta sempre più affollato.

È indispensabile sostenere ogni sforzo per invertire la tendenza negativa che investe la salute di oceani e mari. Capire, dal punto di vista scientifico, come l’oceano reagirà alle nostre pressioni ma anche alle strategie di gestione che metteremo in atto, è un passo fondamentale. Un passo che deve essere mosso dall’osservazione della natura acquatica, dalla previsione delle conseguenze derivanti dalle scelte che faremo per mitigare i rischi ecologici e adattarci ai cambiamenti ambientali. Proprio per questo l’Onu ha deciso di definire un contesto ufficiale all’interno del quale riunire tutti i soggetti interessati all’oceano, cercando di catalizzare il flusso di informazioni fra scienza e attori politici ed economici e determinare le migliori condizioni per uno sviluppo guidato da politiche informate dalla scienza.

 

Domenico D'Alelio
Ecologo acquatico, ricercatore alla Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli e vice presidente dell'Associazione italiana di oceanologia e limnologia

Articoli correlati

Senato approva norme plastica monouso, Legambiente: “Bene, ora la legge Salvamare”

Una nuova grande vittoria per l'associazione. Bisogna però consentire ai pescatori di fare la loro parte e di riportare a terra i rifiuti pescati accidentalmente

Qualità dell’aria, ecco tutti i fattori in gioco

Emissione, concentrazione, PM10, gas inquinanti. Un'attenta analisi sulle tante facce dell'inquinamento atmosferico

Troppe macchine per strada, Parigi elimina i parcheggi di superficie

I garage sotterranei costeranno meno. Il vicesindaco: "Rimuoveremo circa la metà degli stalli di sosta, perché il suolo pubblico va usato in modi migliori"   ...

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,925FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Senato approva norme plastica monouso, Legambiente: “Bene, ora la legge Salvamare”

Una nuova grande vittoria per l'associazione. Bisogna però consentire ai pescatori di fare la loro parte e di riportare a terra i rifiuti pescati accidentalmente

Qualità dell’aria, ecco tutti i fattori in gioco

Emissione, concentrazione, PM10, gas inquinanti. Un'attenta analisi sulle tante facce dell'inquinamento atmosferico

Troppe macchine per strada, Parigi elimina i parcheggi di superficie

I garage sotterranei costeranno meno. Il vicesindaco: "Rimuoveremo circa la metà degli stalli di sosta, perché il suolo pubblico va usato in modi migliori"   ...

Grazie Marcello, maestro dell’ambientalismo scientifico

Ci ha lasciato Marcello Buiatti. Era uno scienziato rigoroso ed un ironico comunicatore, legato alle sue radici, politicamente sempre schierato ed impegnato Non è una...

Plastiche biodegradabili e compostabili, approvata nuova misura in Senato

Sostituiranno la plastica per i contenitori monouso che entrano in contatto con gli alimenti. Soddisfatto il ministro dell'Ambiente Costa: "Una misura ambientale importante, maggiori...