giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Dieci anni dall’esplosione della Deepwater Horizon

Deepwater horizon

Sono passati 10 anni. Poco prima delle 22:00 del 20 aprile 2010, un’esplosione ha squarciato la piattaforma di trivellazione Deepwater Horizon nel Golfo del Messico, scatenando la peggiore fuoriuscita di petrolio offshore della storia degli Stati Uniti e innescando quelli che sarebbero dovuti essere cambiamenti sistematici per garantire che un tale disastro non sarebbe mai più potuto accadere.

Ora, un decennio dopo, tutti e sette i membri della commissione nazionale bipartisan istituita all’epoca per capire le ragioni del disastro ed evitare che si ripetesse, hanno detto che molte delle loro raccomandazioni non sono mai state prese sul serio e che c’è la possibilità di un’altra fuoriuscita di proporzioni altrettanto disastrose.

Le conseguenze di quell’esplosione furono drammatiche: in una notte morirono undici persone e si riversarono più di 3 milioni di barili di petrolio nelle acque al largo della Louisiana.

“No, non credo che siamo preparati per un’altra fuoriuscita di quella portata”, ha detto al New York Times William K. Reilly, copresidente repubblicano della commissione, amministratore dell’Agenzia per la protezione ambientale nel governo del primo presidente George Bush. I membri del panel bipartitico hanno accusato l’amministrazione Trump di mettere in pericolo le acque americane, le coste e la fauna selvatica indebolendo le norme ambientali e quelle di sicurezza e investendo nelle perforazioni petrolifere in quasi tutte le acque americane.

Questo punto di vista non è però condiviso dai leader dell’industria petrolifera o dai membri dell’amministrazione Trump, che hanno affermato che le tecnologie di supervisione e prevenzione adottate dal governo sono migliorate in modo significativo nell’ultimo decennio, rendendo remota la probabilità di un’altra perdita di greggio.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto