Dieci anni dalla scomparsa del sindaco Vassallo, il graphic novel ‘Sognando con Angelo’

Un progetto editoriale racconta il sindaco-pescatore di Pollica, ucciso il 5 settembre del 2010. La sua storia e i suoi valori in un libro illustrato / Il libro / I suoni di Angelo / Le iniziative a Pollica 

 

illustrazione ritratto Angelo Vassallo

Un libro che è anche una barchetta di carta con un messaggio dentro. Sono le frasi, i valori, le battaglie di Angelo Vassallo, sindaco-pescatore, ucciso il 5 settembre del 2010 a Pollica, in provincia di Salerno, nel Comune a cui aveva dedicato tutta la sua vita. Sfogliando libro Il Sogno di Angelo (Areablu edizioni, euro 15), di Licio Esposito, Marta del Prato, Giuseppe Boy, Paola Vacca e Peppe Ruggiero, un volume in cui sono i disegni, il silenzio e la riflessione ad avere la meglio, si incontra la figura di questo primo cittadino concreto e di poche parole che dal 1999 al 2010 ha amministrato il comune di Pollica, nel Parco nazionale del Cilento. Lo si incontra da bambino e poi da adulto, lo si incontra nelle sue scelte e nel suo rapporto con il mare. La sua è stata una dedizione assoluta che ha restituito bellezza alle frazioni di Acciaroli, Pioppi, Celso, Cannicchio e Galdo.

Sono innumerevoli le sue battaglie per restituire dignità al suo territorio, un impegno che gli è valso per tanti anni il podio delle Cinque Vele di Legambiente. Come quella per la raccolta differenziata, l’avvio del museo della dieta mediterranea nel castello di Pioppi, e come presidente della comunità montana Alento Montestella la creazione della sentieristica e del vivaio per le specie a rischio estinzione. A Galdo realizzò un caffè letterario per darlo in gestione ai giovani del luogo. E poi, una sua battaglia su tutte, quella per il suo mare, e l’avvio del depuratore che lui, con cura estrema andava a controllare tutti giorni perché fosse sempre a posto. Perché la politica era soprattutto servizio, nella sua concezione. “Noi dobbiamo fare le cose che non si vedono, non quelle che portano voti subito. Non perdiamo tempo dietro a piazze e spettacoli, noi dobbiamo prima costruire le fogne e tenere il mare pulito”, diceva.

Il volume è un viaggio onirico, pieno di suggestioni, per reincontrare questa figura così importante. Per chi lo conosceva e soprattutto per i tanti che sfortunatamente non l’hanno mai incontrato.

illustrazione porto di Acciaroli-Pollica
Il libro si apre con la prefazione di don Luigi Ciotti, presidente di Libera e quella di Michele Buonomo di Legambiente Campania che avevano conosciuto il sindaco nella sua attività politica. Si arricchisce poi con un racconto poetico di Giuseppe Boy e degli inserti di biografia di Peppe Ruggiero, alcuni aneddoti dei due figli Giusy e Antonio, il contributo di alcuni amici. Ma non finisce qui. Il libro fa parte di un progetto editoriale ancora più ampio di cui fa parte anche il sito www.ilsognodiangelo.it: quest’ultimo è incentrato da un lato sulla figura di Angelo Vassallo e dall’altro dà conto del modo in cui gli autori si sono avvicinati alla storia, con un diario di immagini, parole, suoni registrati, foto e incontri.

Il progetto nella sua totalità sostiene “un Angelo per Camilla” un rifugio per cani ad Acciaroli dove vengono accuditi i randagi del Cilento. Camilla è il nome di uno dei primi cani raccolti per strada da Angelo Vassallo. Il sito, nelle intenzioni degli autori, vuole essere un luogo vivo e condiviso che nel tempo si riempia di messaggi, omaggi e suggestioni da parte di artisti, poeti, scrittori ma anche gente comune che voglia lasciare delle parole per Angelo. Altre barchette nel mare che si avviano al largo, verso il futuro.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE