giovedì 16 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Il destino dei mareyeurs

Mareyeurs

Quasi 15 anni fa il giornalista inglese Charles Clover nel suo libro “The end of the line: how overfishing is changing the world and what we at” (2004) lanciò l’allarme sui devastanti effetti della pesca massiva. Le grida lanciate furono riprese nel bellissimo e omonimo documentario di Robert Murray che fu presentato in anteprima mondiale al Sundance Film Festival del 2009 e che ebbe il merito di scioccare il mondo con la sua drammatica previsione: nel 2048 non ci saranno più pesci da pescare e da mangiare.
Murray ha realizzato il suo film in giro per il mondo, passando anche per il Senegal. Da qui prende le mosse, quasi raccogliendone il testimone, il documentario di Matteo Raffaelli “Mareyeurs”, presentato in anteprima alla 31° edizione dei Festival international de programmes audiovisuels di Biarritz.
È la storia di Ibrahima, un giovane mareyeur, ovvero un intermediario tra pescatori e dirigenti delle aziende di pesca locali, che sta maturando l’idea di emigrare in Italia alla ricerca di un lavoro migliore. La sua professione infatti non ha futuro. La quantità di pesce in Senegal è diminuita del 80% negli ultimi dieci anni a causa dello sfruttamento dei mari, e ogni giorno le navi industriali straniere, che lavorano il pescato direttamente sulle barche e di cui non si conoscono le modalità di pesca, diventano più numerose.
La tradizionale (e sostenibile) pesca senegalese con piccole imbarcazioni non dà più di che vivere al milione e mezzo di persone che lavora nel settore. “Mareyeurs” finisce così per dare motivazioni alla crisi economica e sociale del Senegal e chiavi di lettura circa le ragioni dei flussi migratori.

info tinyurl.com/y97dvgml

Marino Midena
Studioso di tematiche giuridiche agraristiche-ambientali. come giornalista collabora con diverse testate. lavora in uffici stampa e ha condotto trasmissioni radio e tv. Ha insegnato “Diritto e legislazione dello spettacolo” presso il Conservatorio di Musica “V. Bellini” di Palermo ed è il direttore artistico del Green Movie Film Fest.

Articoli correlati

Alle isole Far Øer uccisi in un solo giorno quasi 1.500 delfini

La mattanza risale al 12 settembre in occasione della "Grindadráp", la tradizionale caccia ai cetacei. La denuncia dell'organizzazione Sea Shepherd: "La caccia ai delfini deve cessare completamente"

I Comuni al centro della pianificazione urbana nella sfida all’emergenza climatica

Se ne parla il 17 settembre a Campi Bisenzio a un convegno organizzato da Legambiente nell'ambito del Festival dell'Economia Civile

Venezia78, il premio Green Drop Award al film “Il Buco” di Michelangelo Frammartino

A premiare le produttrici Piera Boccacciaro e Chiara Cerretini è stato Lino Banfi, che ha ricevuto la Goccia Blu insieme a Ronn Moss

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

I Comuni al centro della pianificazione urbana nella sfida all’emergenza climatica

Se ne parla il 17 settembre a Campi Bisenzio a un convegno organizzato da Legambiente nell'ambito del Festival dell'Economia Civile

Venezia78, il premio Green Drop Award al film “Il Buco” di Michelangelo Frammartino

A premiare le produttrici Piera Boccacciaro e Chiara Cerretini è stato Lino Banfi, che ha ricevuto la Goccia Blu insieme a Ronn Moss

Maxiprocesso Eternitbis, appuntamento il 19 settembre al Parco Eternot

A porte chiuse il processo con le voci dei testimoni a Novara. La comunità monferrina si ritrova e partecipa alla lotta per la giustizia

Giretto d’Italia 2021, al via l’undicesima edizione della gara per la mobilità sostenibile

Casa-lavoro in bici o mezzi di micromobilità elettrica: sfida al maggior numero di spostamenti sostenibili. Al vincitore un weekend per due

Urban experience, nuovi paradigmi fra naturale e digitale

di Carlo Infante - Dal 14 al 20 settembre, a Roma, si svolge “Performing Media!” con walkabout, performance, installazioni e videoproiezioni nomadi
Ridimensiona font
Contrasto