Deforestazione e pesca illegale finanziate con denaro dei paradisi fiscali

Uno studio pubblicato su Nature Ecology and Evolution, che punta il dito sulla scarsa trasparenza di filiere come la soia, la carne e il pesce

Deforestazione

Miliardi di dollari che passano dai paradisi fiscali vengono spesso impiegati per alimentare la deforestazione in Amazzonia e la pesca illegale in tutto il mondo.

Lo sostiene uno studio pubblicato su Nature Ecology and Evolution, che punta il dito sulla scarsa trasparenza di filiere come la soia, la carne e il pesce. Gli importi tracciati dall’indagine sono probabilmente solo una piccola parte del totale che ha preso la strada dei paradisi fiscali e che finanzia attività devastanti per l’ambiente.

La ricerca ha rilevato che oltre i due terzi dei capitali stranieri destinati al settore brasiliano della soia e della carne bovina tra il 2000 e il 2011, registrati dalla Banca centrale del Brasile, sono passati attraverso paradisi fiscali. Durante questo periodo, quasi 27 miliardi di dollari di capitali stranieri sono stati trasferiti a società che operano in queste filiere, 18,4 dei quali sono arrivati ​​attraverso i paradisi fiscali, in primis le Isole Cayman.

Per quanto riguarda le imprese del settore ittico, circa il 70% delle navi implicate nella pesca illegale, non dichiarata o non regolamentata sono registrate nei paradisi fiscali.

Footscape Magista Mens Sneakers Sale,Official Footscape Magista Womens Online