Amazzonia, oltre 60 ong chiedono una moratoria sulla deforestazione

Le associazioni hanno consegnato una lettera al Congresso brasiliano, agli investitori stranieri e al parlamento europeo in cui chiedono l’adozione di cinque misure di emergenza / La nostra inchiesta Deforestazione Made in Italy

Amazzonia

Le associazioni, tra cui Amazon Watch, in collaborazione con l’Associazione dei popoli indigeni del Brasile (Apib) hanno consegnato una lettera al Congresso brasiliano, agli investitori stranieri e al parlamento europeo in cui chiedono l’adozione di cinque misure di emergenza per contenere la deforestazione nella foresta pluviale dell’Amazzonia, compresa l’istituzione di una moratoria sul disboscamento per almeno cinque anni. Le stime che saranno pubblicate nei prossimi giorni dall’Istituto nazionale brasiliano per la ricerca spaziale (Inpe) parlano di un aumento della deforestazione di almeno il 28% durante l’ultimo anno di monitoraggio.“Tutte le misure elencate nella lettera possono essere realizzate. Alcune sono persino obblighi costituzionali che il governo non adempie. L’obiettivo è risolvere una situazione acuta in cui il paziente – in questo caso, l’Amazzonia – si trova in una situazione di vita o di morte e, quindi, bisogna discutere le misure strutturali che consentiranno al paziente di riprendersi. Alcune misure erano già incluse nel piano per la prevenzione e il controllo della deforestazione che è stato abbandonato dall’amministrazione Bolsonaro”, ha detto Marcio Astrini, il segretario esecutivo dell’Osservatorio sul clima, una coalizione di ong brasiliane e movimenti sociali che hanno guidato l’iniziativa con Apib. 

Le misure richieste da oltre 60 ong per fermare la deforestazione dell’Amazzonia

1. Moratoria sulla deforestazione in Amazzonia. Divieto di deforestazione in Amazzonia per almeno cinque anni, con eccezioni all’agricoltura di sussistenza e alle pratiche delle popolazioni tradizionali, l’agricoltura dei piccoli proprietari, la silvicoltura sostenibile, le opere di pubblica utilità e le questioni di sicurezza nazionale.

2. Maggiori sanzioni per reati ambientali e deforestazione.

3. Ripresa immediata del Ppcdam – Piano d’azione per la prevenzione e il controllo della deforestazione nell’Amazzonia legale. Ripresa immediata delle misure e delle azioni governative previste nei quattro assi del Piano: pianificazione del territorio e del territorio; monitoraggio e controllo; promozione delle attività produttive sostenibili; strumenti economici e regolamentari. Questa ripresa dovrebbe includere risorse garantite, obiettivi, calendari e piani di attuazione dettagliati, con responsabilità e partecipazione sociale trasparenti.

4. Demarcazione delle terre indigene e quilombola e creazione, regolarizzazione e protezione delle Unità di conservazione.

5. Ristrutturazione dell’Ibama, ICMBio e Funai.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE