domenica 18 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Foreste, nel 2020 disboscati 42mila kmq nelle regioni tropicali

Secondo un rapporto del World Resources Institute è stato il terzo anno peggiore dal 2002. La maglia nera spetta al Brasile con 1,7 milioni di ettari distrutti e un aumento di circa un quarto rispetto al 2019

Nel 2020 in tutto il pianeta sono continuati ad aumentare i ritmi delle deforestazioni. In totale sono stati rasi al suolo circa 42.000 kmq di foreste nelle principali regioni tropicali. A lanciare l’allarme è un rapporto stilato dal World Resources Institute (Wri), rilanciato dal Guardian, che incrocia i dati raccolti dalla piattaforma di monitoraggio Global Forest Watch e dall’Università del Maryland, negli Stati Uniti. Secondo lo studio la perdita di foreste è stata ben al di sopra della media degli ultimi 20 anni, con il 2020 che si classifica come terzo anno peggiore dal 2002. Questa situazione è generata da un mix di fattori. La pressione esercitata dalle attività dell’uomo, a cominciare dagli incendi per fare spazio a coltivazioni intensive, accelera infatti gli effetti dei cambiamenti climatici, con le foreste umide tropicali che si stanno letteralmente prosciugando uccidendo così gli alberi.

A pagare le conseguenze di questa escalation sono state soprattutto le foreste pluviali tropicali dell’Amazzonia, del bacino del fiume Congo e del Sud-est asiatico, vitali per la loro capacità di assorbire anidride carbonica e, di conseguenza, per la regolazione del clima a livello globale. Secondo il World Resources Institute, solo in queste aree le perdite di foresta ammontano a 4,2 milioni di ettari, equivalenti alle emissioni annuali di anidride carbonica di oltre 575 milioni di automobili. Complessivamente, sono andati persi 12,2 milioni di ettari di copertura arborea, con un aumento del 12% rispetto al 2019.

A pagare le conseguenze di questa escalation sono state soprattutto le foreste pluviali tropicali dell’Amazzonia, del bacino del fiume Congo e del Sud-est asiatico, vitali per la loro capacità di assorbire anidride carbonica e per la regolazione del clima a livello globale

 

In Brasile andati in fumo 1,7 milioni di ettari

La maglia nera spetta al Brasile con 1,7 milioni di ettari distrutti e un aumento di circa un quarto rispetto al 2019. Preoccupa non solo quanto sta accadendo in Amazzonia ma anche nel Pantanal brasiliano, la più grande zona umida tropicale del mondo, circa un terzo della quale è stata colpita da incendi con effetti devastanti sulla biodiversità. Incendi causati in larga parte per estendere il raggio delle attività agricole, ma anche da una siccità record con livelli che non si registravano da oltre 40 anni.

Migliora la situazione in Indonesia e Malesia

Migliora invece la situazione in Indonesia, che per la prima volta abbandona il podio dei Paesi con gli indici di deforestazione più alti. Qui la perdita di alberi nel 2020 è diminuita per il quarto anno consecutivo, in calo rispetto al picco del 2016. Anche la Malesia, che dagli anni Settanta ha perso circa un terzo delle proprie foreste, si sta gradualmente riprendendo grazie soprattutto all’introduzione di leggi più severe contro il disboscamento illegale.

In Australia livelli di deforestazione nove volte maggiori tra 2018 e 2020

Dallo studio emerge inoltre chiaramente che anche nei Paesi più ricchi le foreste sono sempre più a rischio. In Germania la perdita di copertura arborea è triplicata tra il 2018 e il 2020 per via delle ripetute invasioni dei coleotteri da corteccia. Mentre in Australia l’aumento è stato addirittura di nove volte superiore, in gran parte a causa delle condizioni meteorologiche estreme e dei grandi incendi boschivi.

Ti potrebbe interessare anche:
La deforestazione è la brutta sorpresa dell’uovo di Pasqua
Dietro la maggior parte della produzione di cacao e zucchero, c’è la distruzione di interi ecosistemi. Dal Brasile all’Africa occidentale

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

ADRIATICO A RISCHIO

Il webinar Come fare a recuperarlo? Verso un riserva marina nel Canale d'Otranto. A cura di Medreact e Legambiente

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Catanzaro, continua la battaglia contro la discarica di Scala Coeli

Legambiente ha presentato di nuovo il ricorso al Tar per verificare se gli ultimi interventi non rappresentino un'anticipazione dell'ampliamento. Ciafani: "Serve un cambio di rotta"

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L'iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Agricoltura e clima, per il frumento perdite di produttività del 20% entro il 2040

È uno dei dati che emerge dal nuovo rapporto “12 passi per la terra (e il clima)” dell’associazione Terra! Ecco le proposte per offrire una via d’uscita dalla spirale di crisi in cui il settore agricolo rischia di restare invischiato

South beach, Legambiente dice stop al consumo di suolo sulla costiera molisana

L'associazione ambientalista contraria al progetto sostenuto dalla Regione che punta a urbanizzare ed edificare un’area di circa 160 ettari a ridosso del mare

In Italia 17,5 milioni di abitazioni riscaldate con gas metano

Dal settore residenziale proviene il 53% delle emissioni di PM10, mentre dagli edifici il 18% di quelle climalteranti. I dati del nuovo studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato presentato da Legambiente e Kyoto Club
Ridimensiona font
Contrasto