domenica 5 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Decreto Genova: l’allarme per i condoni edilizi

Crollo Ponte Genova Autostrade per l'Italia

Il vizio del condono torna anche nel 2018 e questa volta per mano del governo del Cambiamento. A lanciare l’allarme è Legambiente. “Lo dimostrano i due condoni edilizi, quello per Ischia colpita dal terremoto del 2017 e quello per le zone del centro Italia ferite dal sisma del 2016, inseriti nel Decreto Genova in discussione alla Camera. Il primo è nascosto con l’imbroglio nell’articolo 25 del decreto attraverso l’estensione delle condizioni del condono del 1985 a tutte le istanze” spiegano dall’associazione. In pratica nei comuni colpiti dal sisma nell’isola campana, attraverso un salto indietro di 33 anni, si potrebbero condonare immobili insanabili per la legge del 2003, rifacendosi alla legge del condono del 1985, quella del Governo Craxi, che consentiva di sanare le case costruite anche in aree sottoposto a vincolo paesaggistico, idrogeologico e culturale e bypassando così quella più restrittiva del 2003 e quella del ’94 (che imponeva limiti volumetrici).
Il secondo condono, contenuto nell’articolo 39-ter del Decreto Genova, permetterebbe nelle quattro regioni del Centro Italia di sanare gli abusi recenti fatti negli ultimi 13 anni dall’ultimo condono del 2003. In più, consentirebbe la possibilità di sanare un aumento di volumetria fino al 20% utilizzando le norme del Piano Casa e di aumentare la tolleranza dal 2 al 5 per cento di incremento di volumetria per cui una difformità edilizia non viene considerata tale. Altro che piccola sanatoria per le “piccole e vecchie” difformità edilizie nei centri storici (spostamento di finestre e cose simili), come dicono i parlamentari di 5 Stelle e Lega. Se così fosse, perché aprire la sanatoria agli abusi fatti dal 2003 al 2016? E, visto che si dà la possibilità di usufruire del Piano casa per sanare aumenti di volumetria fino al 20% (la sola norma chiesta dai sindaci per sbloccare la ricostruzione), perché lasciare nel Dl Genova la norma introdotta nel decreto sisma del centro Italia di luglio scorso che va in deroga all’art. 34 del DPR 380/01 e che prevede l’aumento di tolleranza dal 2 al 5%?

È quanto torna a denunciare Legambiente ribadendo come nel decreto Genova, in fase di discussione alla Camera, siano stati inseriti due condoni, diversi ma entrambi pericolosi, utilizzando l’emergenza e il sacrosanto diritto per i cittadini, colpiti dal sisma del 2016 e del 2017, di veder ricostruite le proprie case, sicure e di qualità. Due condoni che in futuro potrebbero essere allargati ad altre aree della Penisola. Per questo Legambiente chiede ai parlamentari un atto di responsabilità modificando il testo del decreto, perché la soluzione per Ischia e per il Centro Italia non può essere quella del condono, che premia ancora una volta i furbi e penalizza i cittadini onesti. Tra l’altro oltre a sanare case abusive, verrebbero previsti anche contributi pubblici.
Per questo l’associazione ambientalista lancia le sue prosposte di modifica al Decreto Genova affinché vengano stralciate le norme salva abusi: 1) nell’articolo 25 del Dl Genova si cancelli la frase finale del comma 1 “per la definizione delle istanze di cui al presente articolo, trovano esclusiva applicazione le disposizioni di cui a Cap. IV e V della legge 28 febbraio 1985, n.47); 2) si preveda, attraverso un nuovo emendamento, lo stanziamento di risorse economiche per far assumere nei tre comuni terremotati di Ischia per i prossimi sei mesi alcuni tecnici (ingegneri, architetti, geometri) per valutare più velocemente le pratiche di condono; 3) per la parte riguardante gli interventi nelle aree del centro Italia colpite dal sisma, si elimini la possibilità di sanare difformità fino ad agosto 2016 modificando l’articolo 39-ter e si mantengano, invece, i termini del condono del 2003 come data massima; 4) si elimini quella deroga che fa aumentare la tolleranza dal 2 al 5 per cento di incremento di volumetria per cui una difformità edilizia non viene considerata tale, con la conseguenza che non si pagheranno multe e si potrà ricevere il contributo pubblico anche per quell’aumento di volumetria.

In vista del voto finale previsto per mercoledì 31 ottobre, Legambiente a Roma sarà davanti Montecitorio, alle ore 10.00, con un sit-in “No Condoni” per ricordare che servono azioni e interventi concreti per contrastare l’abusivismo che avanza. Nel 2017 in Italia, stando ai dati diffusi dal Cresme, sarebbero state costruite circa 17.000 nuove case abusive. Inoltre sempre lo stesso giorno l’associazione ambientalista sarà anche a Ischia dove ha organizzato un incontro pubblico proprio per entrare nel merito della ricostruzione di Ischia e della messa in sicurezza del territorio, confrontandosi con i cittadini, i rappresentanti delle istituzioni nazionali, regionali e locali, degli ordini professionali, del mondo delle scuola, delle imprese costruttrici, degli albergatori, dell’associazionismo. L’incontro dal titolo “I cantieri per il rilancio di Ischia. Oltre il condono. Sicurezza, qualità, legalità” si terrà alle ore 16.00 presso l’Hotel Re Ferdinando.

“Dal Governo del Cambiamento ci aspettiamo un atto di coraggio e di vera onestà. I due condoni inseriti nel Decreto Genova –  dichiara Stefano Ciafani, Presidente nazionale di Legambiente –  sono pericolosi e gravi, e in futuro potrebbero essere allargati ad altre aree del Paese. L’Italia è a rischio sismico e idrogeologico, la prossima zona che subirà un disastro del genere potrà invocare i due provvedimenti, che allargano le maglie temporali e i vincoli, per farsi sanare gli abusi. Ogni istanza di sanatoria deve essere valutata in base alla legge ai sensi della quale è stata presentata. Ai parlamentari chiediamo di cancellare il condono dal Decreto Genova e di dire basta alle norme salva abusi che di certo non fanno bene al Paese. Per questo mercoledì 31 ottobre saremo davanti a Montecitorio con un flash mob per ribadire “No ai condoni”, perché la strada da percorrere è un’altra. Se si vuole davvero tutelare il territorio, occorre azionare le ruspe per gli abbattimenti e prevedere un cambio normativo affinché la responsabilità delle demolizioni, oggi in mano ai Comuni vittima del ricatto elettorale, passi ai pref

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Anna Giordano è l’ambientalista dell’anno 2021

La “signora dei falchi” vince la consultazione online e riceve il riconoscimento promosso da Legambiente e Nuova Ecologia intitolato a Luisa Minazzi giunto alla sua quindicesima edizione

EcoForum Veneto

Dalle 9.15 la diretta di EcoForum Veneto

Rinnovabili, nel 2026 saranno il 95% delle nuove fonti energetiche installatate

Lo prevede il nuovo rapporto dell'Iea, l'Agenzia internazionale dell'energia. Oltre la metà di questa energia verde sarà coperta dal fotovoltaico. E già il 2021 si chiuderà con un record con 290 gigawatt di nuova potenza installata

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Biologico, Coldiretti e Legambiente: “Approvare subito la legge alla Camera dei deputati”

Appello delle associazioni per portare a termine celermente l’iter di approvazione della norma, approvata dal Senato con un solo voto contrario e ancora ferma alla Camera
Ridimensiona font
Contrasto