venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Dall’Ue la nuova etichetta

Sono oltre 13 milioni gli italiani che  acquistano online, spendendo ogni  anno 12,8 miliardi di euro (Rapporto  Italia 2013 di Eurispes), in tutta l’Ue  i miliardi diventano 267. Eppure,  stando al Rapporto etichetta furbetta,  risultato della campagna europea  Market-watch realizzata da 12 associazioni  ambientaliste (fra cui le italiane Legambiente e  Movimento difesa del cittadino), i dieci negozi  virtuali più cliccati non danno informazioni  esaustive su performance di efficienza energetica,  rumore e consumo d’acqua nel 90% degli  elettrodomestici in vendita. Adesso però la situazione dovrebbe  cambiare. Da gennaio infatti  le nuove misure sull’efficienza  dell’Ue, secondo la direttiva  quadro Energy labelling (2010/30/  Ue), impongono ai negozi sul web  d’indicare le etichette energetiche complete dei prodotti, oltre  alla classe di appartenenza del  prodotto in vendita, in maniera  da rendere più facilmente  comparabile la prestazione. «Ci aspettiamo che proprio i più grandi  negozi online, come Amazon ed  Ebay, siano i primi a mettersi in  regola – dice Francesco Luongo,  vicepresidente di Mdc – E in ogni  caso auspichiamo che tutti i siti  adempiano alla normativa».  Ma le novità non finiscono qui.  Altre arrivano dai regolamenti  attuativi della direttiva Eup  2009/125/Ce (Directive for  energy-using products), nota  anche come direttiva Ecodesign.  Tutti gli apparecchi connessi in  rete (router, decoder, stampanti  o anche televisori) dovranno  avere uno stand by automatico  che li ponga in modalità basso  consumo quando non sono attivi,  lo stesso dovrà valere anche  per le macchine del caffè. Dal  prossimo settembre, inoltre, sarà  obbligatorio immettere nel mercato  solo caldaie a condensazione in  grado di recuperare gran parte del  calore latente contenuto nei fumi,  consentendo un rendimento del  106% contro il 92 degli impianti  tradizionali. Infine, l’etichetta  energetica interesserà dispositivi  aggiuntivi rispetto a quelli attuali , sempre nell’ottica  di aiutare i cittadini a effettuare  acquisti virtuosi. Entrambe le  direttive rientrano nella strategia  energetica europea e faranno risparmiare 166 Mte (tonnellate  equivalenti di petrolio) di energia  primaria. Le imprese dovranno  adottare criteri orientati alla  riduzione dell’impatto ambientale  utilizzando la “Valutazione del ciclo  di vita” in tutte le fasi, smaltimento  compreso, dei dispositivi. Le  famiglie potranno risparmiare  mediamente 45 euro l’anno che  potrebbero diventare 465 nel 2020.  I paesi Ue potranno ridurre del 23%  le importazioni di gas.  Nei regolamenti è prevista  l’applicazione di penali fino a  40.000 euro per l’Ecodesign e  150.000 per l’Energy labelling e  il ritiro dei prodotti non a norma.  Ma si riuscirà ad applicarle? Per  renderle effettive occorrerebbe  investire su controlli adeguati,  soprattutto sui prodotti extra  Ue, per tutelare le aziende che  investono in ricerca e innovazione.  Un ruolo importante lo svolgeranno  sul versante tecnico l’Enea e su quello sanzionatorio le Camere di  commercio. La vera rivoluzione  sta nel fatto che la Commissione  europea per la prima volta  ha stabilito regole univoche e  dettagliate per l‘intera Unione. E  l’Italia? «Purtroppo nella partita  sull’efficienza energetica non sta  giocando un ruolo di avanguardia  − spiega Davide Sabbadin,  responsabile efficienza energetica  di Legambiente − È il secondo  paese europeo per produzione  di elettrodomestici dopo la  Germania, dovrebbe battersi per  l’ecosostenibilità dei suoi prodotti  perché solo tutelando le aziende  qualificate si può reggere la  concorrenza». Un chiaro sintomo  di miopia perché le nuove regole  potrebbero rendere più competitive  le aziende europee e incrementare  il fatturato di 55 miliardi a conferma  che l’attenzione alla sostenibilità può  rappresentare la scelta vincente per  uscire dalla crisi.    

Adriana Sperahttps://www.lanuovaecologia.it
Laureata in scienze politiche indirizzo economico. ha lavorato all'Istat. giornalista pubblicista nel 2004 è stata tra i fondatori del settimanale online "Il foglietto della ricerca". ha ricoperto incarichi istituzionali nei quali occupata di cultura. lavoro. scuola. ambiente. politiche sociali

Articoli correlati

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto