domenica 18 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Dall’orto alla tavola

DSCN7103

Dopo l’indivia belga della rubrica di luglio-agosto parliamo sempre della specie Cichorium endivia ma delle varietà più diffuse: quella liscia anche chiamata “scarola” (Cichorium endivia latifolium) e quella riccia (Cichorium endivia crispum). Entrambe sono molto utilizzate nella cucina italiana soprattutto al sud, basti pensare alla famosa ricetta napoletana della scarola ‘mbuttunata in cui, dopo averla lessata, la nostra scarola viene imbottita con pangrattato aglio, capperi alici olive e pinoli e infornata previa legatura, oppure dalla pizza con la scarola o ancora alla minestra maritata.

La semina si effettua fra giugno e settembre a seconda della zona, in terreno ben concimato con letame maturo. Attenzione ai ristagni idrici, prediligiamo quindi terreni ben drenati e assolati. Poniamo un paio di semi in piccole buchette poco profonde (1,5 cm) distanti fra loro una decina di centimetri, innaffiamo moderatamente ed effettuiamo una pacciamatura con materiali naturali (paglia, corteccino..) per evitarci il continuo lavorio del diserbo e per creare un microclima ideale del terreno.

Eseguiamo un diradamento delle piante quando iniziano a svilupparsi molto lasciando gli esemplari più forti. Un’operazione da effettuarsi 3-4 settimane prima della raccolta (che avverrà a fine autunno inizio inverno a seconda dell’epoca di semina) è quella della legatura; raccogliamo le foglie delle nostre indivie e leghiamole delicatamente con filo di rafia: questa operazione serve a rendere più tenere e chiare le foglie interne. In climi freschi prediligiamo la coltivazione della scarola rispetto all’indivia riccia, più sensibile alle gelate.

Articoli correlati

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

ADRIATICO A RISCHIO

Il webinar Come fare a recuperarlo? Verso un riserva marina nel Canale d'Otranto. A cura di Medreact e Legambiente

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Catanzaro, continua la battaglia contro la discarica di Scala Coeli

Legambiente ha presentato di nuovo il ricorso al Tar per verificare se gli ultimi interventi non rappresentino un'anticipazione dell'ampliamento. Ciafani: "Serve un cambio di rotta"

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L'iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Agricoltura e clima, per il frumento perdite di produttività del 20% entro il 2040

È uno dei dati che emerge dal nuovo rapporto “12 passi per la terra (e il clima)” dell’associazione Terra! Ecco le proposte per offrire una via d’uscita dalla spirale di crisi in cui il settore agricolo rischia di restare invischiato

South beach, Legambiente dice stop al consumo di suolo sulla costiera molisana

L'associazione ambientalista contraria al progetto sostenuto dalla Regione che punta a urbanizzare ed edificare un’area di circa 160 ettari a ridosso del mare

In Italia 17,5 milioni di abitazioni riscaldate con gas metano

Dal settore residenziale proviene il 53% delle emissioni di PM10, mentre dagli edifici il 18% di quelle climalteranti. I dati del nuovo studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato presentato da Legambiente e Kyoto Club
Ridimensiona font
Contrasto