domenica 24 Gennaio 2021

Dalle api nasce il packaging sostenibile

Apepak imballaggio

Si stima che circa il 35% della produzione di cibo a livello globale dipenda dalle api. Su cento colture da cui dipende il 90% della produzione, 71 sono legate al loro lavoro di impollinazione. Nella sola Europa ben quattromila diverse colture crescono anche grazie a questi fondamentali insetti. Ma dalle api non si ricava solo cibo ma anche soluzioni ecosostenibili, come ad esempio gli imballaggi. Negli ultimi anni il packaging per il cibo è finalmente diventato un argomento centrale, perché rappresenta uno dei maggiori sprechi della nostra cultura. “Apepak” è un imballaggio per conservare gli alimenti, a differenza della pellicola in plastica trasparente, totalmente naturale e biodegradabile.
«L’involucro è composto da cotone biologico certificato Global organic textile standard, o riciclato dagli avanzi dei laboratori tessili italiani, da cera d’api biologica proveniente da fornitori selezionati dalla World biodiversity association – spiega Massimo Massarotto, ideatore di Apepak – e ancora resina di pino e olio di jojoba, tutti e due forniti da apicoltori e aziende del territorio». L’idea di Massarotto ha preso vita grazie ai primi prototipi e ai test condivisi con Francesca Amato, vicepresidente di Sonda, una società cooperativa sociale che nel 1995 ha avviato un percorso riabilitativo rivolto a persone con problematiche psicosociali di diversa natura.
I primi involucri sono stati testati da duecento famiglie e i feedback raccolti impiegati per migliorare la produzione. Apepak è certificato per il contatto con il cibo ed è possibile utilizzarlo anche in ambienti professionali. La sua composizione deriva da coltivazione biologica e filiera sostenibile, che rendono Apepak malleabile, antisettico e termoformante. Ogni volta che si utilizza un Apepak, viene naturalmente risparmiato il suo corrispettivo in plastica. Si sostiene inoltre un giorno di lavoro di circa mille api da miele italiane e circa trenta minuti di lavoro di un membro della cooperativa sociale Sonda, in genere una persona diversamente abile, un ex tossicodipendente o una persona anziana.

Articoli correlati

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia