giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Una cura per i fiumi

L’acqua che scorre nelle falde, nei fiumi, negli acquedotti, negli impianti di depurazione e arriva nelle nostre case, o in mare, è una miscela carica di criticità che l’Italia non riesce a “guadare”. La nostra acqua è inquinata da scarichi illegali, piena di rifiuti, depurata poco o male – il 25% della popolazione non è coperto da un adeguato servizio di depurazione – sprecata negli impianti di distribuzione in cui mediamente si misura il 40% di dispersione, con buona pace del fatto che molte aree soffrono la siccità.

E poi c’è il solito cemento, legale o abusivo, che la costringe in spazi sempre più ridotti, aggravando il rischio climatico. L’Osservatorio città clima di Legambiente ha censito 860 eventi estremi in 472 comuni, di questi 350 sono allagamenti e 99 esondazioni deifiumi. Ai corsi d’acqua dedichiamo la storia di copertina. Perché vista dagli argini degli oltre 7.000 fiumi che la attraversano, la nostra penisola appare bella ma fragile.

E invece è proprio dalle rive dei fiumi che dovremmo ripartire, utilizzando anche i fondi in arrivo con il Next generation Eu, per curare i territori. Ristabilendo l’equilibrio fra acqua e terra. Ma per abbattere il rischio climatico serve anche una rapida e robusta riduzione delle emissioni, che non può avvenire se prima non si mandano in soffitta quei meccanismi finanziari che di fatto danno il diritto a inquinare a chi può permetterselo, come racconta bene Francesco Paniè nell’inchiesta “Venditori di fumo” (pag. 38). L’idea di consentire a governi e imprese di ridurre le emissioni dove era meno costoso, investendo in progetti di conservazione e sostenibilità nei Paesi in via di sviluppo, non solo non ha abbassato la concentrazione di CO2 nell’atmosfera, giunta ad agosto a 412,5 ppm, ma ha dato luogo a truffe, violazione dei diritti umani e degrado ambientale. Con l’aggravante di aver rallentato riforme e investimenti necessari. Gli stessi che tanti operatori dell’economia circolare chiedono di poter fare in Italia. Ad agosto il governo ha recepito il pacchetto comunitario in materia. È questo il momento di lasciarsi alle spalle gli ostacoli che frenano le esperienze di eccellenza. Della crescita e delle opportunità dell’economia circolare si discuterà il 21 e 22 ottobre a Roma (in streaming sul nostro sito e sui canali social) in occasione dell’Ecoforum, uno degli appuntamenti che Legambiente ha organizzato in questo autunno caldo per ragionare su come avviare la transizione ecologica. Senza sprecare i soldi del Next generation Eu nelle stesse vecchie ricette fossili.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Francesco Loiacono
Direttore La Nuova Ecologia. Giornalista ambientale autore di inchieste su dissesto idrogeologico, inquinamento industriale, bonifiche e amianto. Email: direttore@lanuovaecologia.it Twitter: @francloia

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto