venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

In Europa ogni anno 630mila morti di origine ambientale

Una parte significativa dei problemi di salute dei cittadini europei è ancora dovuta all’inquinamento ambientale e al cambiamento climatico. A farne le spese sono soprattutto le fasce più vulnerabili della popolazione: poveri, bambini, anziani. E le condizioni di salute preesistenti aumentano la vulnerabilità ai pericoli per la salute di origine ambientale.

È quanto emerge dal recente rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente (Aea) Healthy environment, healthy lives su come l’ambiente influenza la salute e il benessere in Europa, dal quale emerge che ogni anno sono ben 630mila le morti di origine ambientale. L’inquinamento dell’aria continua a essere la principale minaccia alla salute con oltre 400mila morti premature all’anno. Per quanto riguarda l’impatto del clima, fra i diversi tipi di fenomeni metereologici estremi, sono le ondate di calore che causano il maggior numero di morti, soprattutto nelle aree urbane. Sulla base degli attuali scenari di riscaldamento globale, si prevedono circa 130mila morti l’anno in più a causa delle ondate di calore.

Nel rapporto sono inoltre riportati i primi risultati della ricerca in corso sui legami tra l’attuale pandemia di Covid-19 e le dimensioni ambientali, da cui emerge che il coronavirus abbia “fatto un salto di specie” dagli animali agli esseri umani. Un risultato imprevisto della pressione che i consumi sempre maggiori esercitano sui nostri sistemi naturali. I primi dati suggeriscono che l’inquinamento dell’aria e la povertà possano essere collegati a tassi di mortalità maggiori per Covid-19. Per chiarire queste interazioni sono previsti ulteriori studi.

La lotta all’inquinamento e al cambiamento climatico è dunque cruciale per migliorare salute e benessere dei cittadini europei, in particolare delle fasce più vulnerabili della popolazione, poiché la povertà si accompagna a condizioni ambientali e sanitarie precarie. Il Green deal europeo deve servire anche a mettere in campo misure decisive per migliorare la salute e la qualità della vita dei cittadini, senza lasciare nessuno indietro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Mauro Albrizio
Mauro Albrizio è responsabile dell'ufficio europeo di Legambiente a Bruxelles

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto