lunedì 21 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

In Europa ogni anno 630mila morti di origine ambientale

Una parte significativa dei problemi di salute dei cittadini europei è ancora dovuta all’inquinamento ambientale e al cambiamento climatico. A farne le spese sono soprattutto le fasce più vulnerabili della popolazione: poveri, bambini, anziani. E le condizioni di salute preesistenti aumentano la vulnerabilità ai pericoli per la salute di origine ambientale.

È quanto emerge dal recente rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente (Aea) Healthy environment, healthy lives su come l’ambiente influenza la salute e il benessere in Europa, dal quale emerge che ogni anno sono ben 630mila le morti di origine ambientale. L’inquinamento dell’aria continua a essere la principale minaccia alla salute con oltre 400mila morti premature all’anno. Per quanto riguarda l’impatto del clima, fra i diversi tipi di fenomeni metereologici estremi, sono le ondate di calore che causano il maggior numero di morti, soprattutto nelle aree urbane. Sulla base degli attuali scenari di riscaldamento globale, si prevedono circa 130mila morti l’anno in più a causa delle ondate di calore.

Nel rapporto sono inoltre riportati i primi risultati della ricerca in corso sui legami tra l’attuale pandemia di Covid-19 e le dimensioni ambientali, da cui emerge che il coronavirus abbia “fatto un salto di specie” dagli animali agli esseri umani. Un risultato imprevisto della pressione che i consumi sempre maggiori esercitano sui nostri sistemi naturali. I primi dati suggeriscono che l’inquinamento dell’aria e la povertà possano essere collegati a tassi di mortalità maggiori per Covid-19. Per chiarire queste interazioni sono previsti ulteriori studi.

La lotta all’inquinamento e al cambiamento climatico è dunque cruciale per migliorare salute e benessere dei cittadini europei, in particolare delle fasce più vulnerabili della popolazione, poiché la povertà si accompagna a condizioni ambientali e sanitarie precarie. Il Green deal europeo deve servire anche a mettere in campo misure decisive per migliorare la salute e la qualità della vita dei cittadini, senza lasciare nessuno indietro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Mauro Albrizio
Mauro Albrizio è responsabile dell'ufficio europeo di Legambiente a Bruxelles

Articoli correlati

Traffico illecito di rifiuti: 29 arresti in Calabria

Custodia cautelare in carcere per quindici degli indagati, domiciliari per gli altri. L'operazione diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

La siccità rischia di essere “la prossima pandemia”

Ad affermarlo è l'Onu in un nuovo report. Almeno 1,5 miliardi di persone sono state direttamente colpite in questo secolo con un costo stimato di 124 miliardi di dollari

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

“Tra le pagine del mare”, il concorso letterario che racconta le località costiere italiane

L'iniziativa è organizzata dall’Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani di Legambiente, in collaborazione con Primiceri Editore. Saranno selezionati brevi racconti inediti, ambientati nei centri del nostro Paese affacciati sul mare

Dal 18 al 27 giugno il Decrescita Felice Bike Tour 2021

La manifestazione è alla sua sesta edizione. Un percorso di 300 km a tappe per amanti delle due ruote organizzato da Movimento per la Decrescita Felice e Altri Mondi Bike Tour

Roma, il Festival circolare alla Città dell’altra economia

Dal 16 al 18 giugno in mostra i protagonisti e le esperienze del progetto di educazione alla cittadinanza globale “Metti in circolo il cambiamento”. Spazio alle tredici idee vincitrici e alle esperienze di imprenditoria circolare

Sos tartarughe marine

Legambiente lancia un numero unico per raccogliere le segnalazioni di tracce o di piccoli di tartaruga sui litorali italiani. Un invito a mobilitarsi in modo semplice, inviando un messaggio whatsApp o un sms al 349 2100989
Ridimensiona font
Contrasto