lunedì 27 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

In Europa ogni anno 630mila morti di origine ambientale

Una parte significativa dei problemi di salute dei cittadini europei è ancora dovuta all’inquinamento ambientale e al cambiamento climatico. A farne le spese sono soprattutto le fasce più vulnerabili della popolazione: poveri, bambini, anziani. E le condizioni di salute preesistenti aumentano la vulnerabilità ai pericoli per la salute di origine ambientale.

È quanto emerge dal recente rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente (Aea) Healthy environment, healthy lives su come l’ambiente influenza la salute e il benessere in Europa, dal quale emerge che ogni anno sono ben 630mila le morti di origine ambientale. L’inquinamento dell’aria continua a essere la principale minaccia alla salute con oltre 400mila morti premature all’anno. Per quanto riguarda l’impatto del clima, fra i diversi tipi di fenomeni metereologici estremi, sono le ondate di calore che causano il maggior numero di morti, soprattutto nelle aree urbane. Sulla base degli attuali scenari di riscaldamento globale, si prevedono circa 130mila morti l’anno in più a causa delle ondate di calore.

Nel rapporto sono inoltre riportati i primi risultati della ricerca in corso sui legami tra l’attuale pandemia di Covid-19 e le dimensioni ambientali, da cui emerge che il coronavirus abbia “fatto un salto di specie” dagli animali agli esseri umani. Un risultato imprevisto della pressione che i consumi sempre maggiori esercitano sui nostri sistemi naturali. I primi dati suggeriscono che l’inquinamento dell’aria e la povertà possano essere collegati a tassi di mortalità maggiori per Covid-19. Per chiarire queste interazioni sono previsti ulteriori studi.

La lotta all’inquinamento e al cambiamento climatico è dunque cruciale per migliorare salute e benessere dei cittadini europei, in particolare delle fasce più vulnerabili della popolazione, poiché la povertà si accompagna a condizioni ambientali e sanitarie precarie. Il Green deal europeo deve servire anche a mettere in campo misure decisive per migliorare la salute e la qualità della vita dei cittadini, senza lasciare nessuno indietro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Mauro Albrizio
Mauro Albrizio è responsabile dell'ufficio europeo di Legambiente a Bruxelles

Articoli correlati

Clima, migliaia di studenti in piazza a Roma

"Di chi è il futuro?". Questo lo slogan della prima grande manifestazione post Covid, che nel giorno dello sciopero mondiale ha riunito giovani e famiglie intasando il traffico della capitale. Le voci dal Global Strike

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto