mercoledì 25 Novembre 2020

In Europa ogni anno 630mila morti di origine ambientale

Una parte significativa dei problemi di salute dei cittadini europei è ancora dovuta all’inquinamento ambientale e al cambiamento climatico. A farne le spese sono soprattutto le fasce più vulnerabili della popolazione: poveri, bambini, anziani. E le condizioni di salute preesistenti aumentano la vulnerabilità ai pericoli per la salute di origine ambientale.

È quanto emerge dal recente rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente (Aea) Healthy environment, healthy lives su come l’ambiente influenza la salute e il benessere in Europa, dal quale emerge che ogni anno sono ben 630mila le morti di origine ambientale. L’inquinamento dell’aria continua a essere la principale minaccia alla salute con oltre 400mila morti premature all’anno. Per quanto riguarda l’impatto del clima, fra i diversi tipi di fenomeni metereologici estremi, sono le ondate di calore che causano il maggior numero di morti, soprattutto nelle aree urbane. Sulla base degli attuali scenari di riscaldamento globale, si prevedono circa 130mila morti l’anno in più a causa delle ondate di calore.

Nel rapporto sono inoltre riportati i primi risultati della ricerca in corso sui legami tra l’attuale pandemia di Covid-19 e le dimensioni ambientali, da cui emerge che il coronavirus abbia “fatto un salto di specie” dagli animali agli esseri umani. Un risultato imprevisto della pressione che i consumi sempre maggiori esercitano sui nostri sistemi naturali. I primi dati suggeriscono che l’inquinamento dell’aria e la povertà possano essere collegati a tassi di mortalità maggiori per Covid-19. Per chiarire queste interazioni sono previsti ulteriori studi.

La lotta all’inquinamento e al cambiamento climatico è dunque cruciale per migliorare salute e benessere dei cittadini europei, in particolare delle fasce più vulnerabili della popolazione, poiché la povertà si accompagna a condizioni ambientali e sanitarie precarie. Il Green deal europeo deve servire anche a mettere in campo misure decisive per migliorare la salute e la qualità della vita dei cittadini, senza lasciare nessuno indietro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Mauro Albrizio
Mauro Albrizio è responsabile dell'ufficio europeo di Legambiente a Bruxelles

Articoli correlati

Quando le immagini fanno riflettere

È in corso a Città del Messico la XVI edizione della “Biennale internazionale del manifesto”. Una categoria è dedicata alla biodiversità

Economia circolare, i 13 progetti vincitori del contest “Metti in circolo il cambiamento”

Tante proposte ideate da giovani “aspiranti imprenditori circolari” premiate in una festa online con i partner di progetto e le amministrazioni comunali coinvolte / "Metti in circolo il Cambiamento", bando per 60 giovani

Il settore cartario guida la transizione verso l’economia circolare

Da 0 a 1, l'Indicatore di Circolarità di Materia è pari a 0.79. È quanto emerge dal Rapporto Ambientale dell’Industria Cartaria Italiana, presentato da Assocarta e Legambiente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,132FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Quando le immagini fanno riflettere

È in corso a Città del Messico la XVI edizione della “Biennale internazionale del manifesto”. Una categoria è dedicata alla biodiversità

Economia circolare, i 13 progetti vincitori del contest “Metti in circolo il cambiamento”

Tante proposte ideate da giovani “aspiranti imprenditori circolari” premiate in una festa online con i partner di progetto e le amministrazioni comunali coinvolte / "Metti in circolo il Cambiamento", bando per 60 giovani

Il settore cartario guida la transizione verso l’economia circolare

Da 0 a 1, l'Indicatore di Circolarità di Materia è pari a 0.79. È quanto emerge dal Rapporto Ambientale dell’Industria Cartaria Italiana, presentato da Assocarta e Legambiente

“L’assemblea degli animali”, una favola selvaggia per ritrovare la natura in tempi di pandemia

Pubblicato da Einaudi Stile libero e scritto da Filelfo, è “Il libro che i ragazzi leggeranno agli adulti e gli adulti leggeranno ai bambini”

Clima, negli ultimi dieci anni l’Italia colpita da quasi mille fenomeni estremi

Roma, Bari, Milano e Agrigento le città che hanno subito i danni maggiori. I dati del Rapporto 2020 dell’Osservatorio CittàClima di Legambiente "Il clima è già cambiato". SEGUI LA DIRETTA e SCARICA IL RAPPORTO 2020