Coronavirus e crisi sociale, il tempo della solidarietà

Come in altre situazioni difficili nella storia del Paese, Legambiente è in prima fila per portare aiuto a chi ne ha bisogno. Nel rispetto delle regole e al fianco delle istituzioni

01/04/2020 Napoli, gesti di solidarietà per aiutare i più bisognosi durante l’emergenze Coronavirus

Dal mensile di maggio –  In breve tempo il Covid-19 ha costretto a rimodulare abitudini del vivere quotidiano e ha portato a galla povertà e disuguaglianze. Per far fronte a queste vecchie e nuove criticità sociali, la rete dei volontari di Legambiente ha risposto producendo gli anticorpi della solidarietà, da Nord a Sud. Ogni giorno nascono infatti iniziative in favore dei più bisognosi, di chi non può muoversi da casa o vive in ristrettezze. Produzioni di mascherine, raccolte fondi e di generi alimentari, formazione a distanza. Con un mix di determinazione e creatività, i tantissimi volontari fanno fronte comune contro la pandemia.

«È il momento della solidarietà – dice Stefano Ciafani, presidente di Legambiente – Come sempre è successo nella storia della nostra associazione, dagli interventi fatti in emergenza per aiutare le persone o recuperare le opere d’arte dopo un terremoto o un’alluvione, anche stavolta non stiamo fermi. Rispettando tutte le disposizioni imposte dalle istituzioni, siamo operativi per contribuire a fronteggiare questo pericoloso virus».

Vicini agli anziani
In Veneto Legambiente Padova, insieme a Confesercenti, promuove la campagna “Adottiamo un nonno #confiducia”, consegna a domicilio di beni alimentari che va incontro a chi non può muoversi. Senza costi aggiuntivi i volontari consegnano la spesa ai cittadini di Padova, coordinandosi con la Protezione civile e la polizia municipale, nel rispetto delle procedure di sicurezza. Sulla stessa scia, in Piemonte, il circolo “Gli amici del Lago” ha attivato la consegna della spesa nel comune di Arona (No), un servizio gratuito rivolto espressamente agli over 65 e attivo per le prenotazioni dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12. Dalla creazione di manufatti in carta riciclata ai possibili e molteplici usi di oggetti come bottiglie di plastica o vecchi cd. Per rendere proficuo il tempo in quarantena e rompere la noia, in Emilia Romagna prendono forma i “laboratori del Cigno” promossi dal circolo di Parma. Tutorial di riciclo creativo che mostrano come realizzare cestini porta uova, segnaposti e segnalibri all’insegna dell’economia circolare. Dalla Toscana arriva una maratona di solidarietà a sostegno dell’ospedale Misericordia di Grosseto e promossa dal “Clorofilla film festival” di Festambiente. L’annuale vendita delle uova di Pasqua è stata convertita in donazioni a favore dell’iniziativa “Tutti insieme contro il Coronavirus”, promossa dal Comitato per la vita in sinergia con Banca Tema e Tema vita, per l’acquisto di un ventilatore polmonare destinato all’ospedale.

Piccoli doni, grande aiuto
In Campania, con lo slogan “Proteggiamoli per farci proteggere” e in sinergia con numerosissime associazioni locali, il circolo Legambiente di Cava de’ Tirreni (Sa) ha avviato una raccolta fondi per l’acquisto di 200 mascherine Ffp2 destinate a medici e infermieri. Lo stesso circolo ha promosso inoltre “#finoacasa”, iniziativa che informa i cittadini sulle attività di consegna a domicilio e a sostegno del commercio locale, volta a limitare gli spostamenti durante l’emergenza. “Pane sospeso” è invece l’iniziativa partita da Barcellona – Pozzo di Gotto, in Sicilia. La promuove il circolo del Longano con il network delle associazioni culturali, per favorire, con un piccolo contributo, l’acquisto di pane e prodotti da forno che vengono distribuiti a famiglie in difficoltà. Nella regione dei cannoli spicca inoltre l’iniziativa “Cento carrelli per Catania”, che spinge ad “adottare” alcune fra le famiglie più bisognose segnalate dalla Comunità di Sant’Egidio. Per fare ciò, Legambiente Catania ha avviato una consegna di beni di prima necessità acquistati da produttori locali e promosso donazioni attraverso il crowdfunding sulla piattaforma Laboriusa. “Un piccolo dono, per un grande aiuto” è lo slogan scelto per la campagna “#Lamiaspesaèsolidale” promossa da Legambiente Puglia. Si svolge in modo semplice: basta aggiungere alla propria spesa uno o più generi alimentari e poi donarli alle Caritas cittadine. Per incentivare la raccolta di alimenti alcuni circoli come quelli di Spinazzola (Bt) e Barletta (Bt), hanno posizionato un “carrello solidale” in numerosi punti vendita, mappandoli su Google. In supporto degli ospedali, invece, alcuni circoli pugliesi hanno aderito alla neonata associazione Puglia rete solidale anticovid-19, rete di professionisti, aziende, istituti scolastici e liberi cittadini mossi dalla volontà di affrontare l’emergenza donando visiere autoprodotte da stampanti 3D, unendo solidarietà e sostenibilità. Le azioni solidali dei circoli confluiscono di volta in volta sul nuovo sito di Legambiente #Iorestoacasa, messo online per rendere meno monotono il periodo di quarantena attraverso rubriche e approfondimenti. «Con questo nuovo sito web mettiamo a disposizione di chiunque, in modo gratuito, documenti, materiale educativo, video su temi ambientali, ma anche dirette web di nostri eventi nazionali recenti, libri e selezioni musicali green – aggiunge Stefano Ciafani – È il nostro modo per ribadire a tutti di restare a casa rispettando le regole, per archiviare questa brutta pagina della storia contemporanea». 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE