sabato 23 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Costa adriatica minacciata da picchi di calore e bombe d’acqua

Per rispondere all’emergenza parte il progetto LIFE A_Greenet, per proteggere le comunità e mitigare gli effetti climatici estremi sulle città costiere di Abruzzo e Marche

È partito oggi con la prima riunione di partenariato il progetto europeo A_Greenet, co-finanziato dall’Unione Europea attraverso il programma LIFE e coordinato dalla Regione Abruzzo, con l’obiettivo di rendere le città della costa del Medio Adriatico più resilienti al cambiamento climatico attraverso il recupero dei suoli, la piantumazione di foreste e aree verdi e altre soluzioni modulate sul territorio in linea con la concreta realizzazione dei Piani d’Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima (PAESC).

Il progetto, che gode di un finanziamento europeo di 1.997,341 euro, coinvolge e si avvale della partecipazione di partner prestigiosi come la Regione Abruzzo (Lead Partner), il Comune di Silvi capofila dell’ATS “Città della Costa”, il Comune di Ancona, il Comune di Pescara, il Comune di San Benedetto Del Tronto, Legambiente Onlus, il centro di ricerca Res Agraria srl e l’Università di Camerino, che svolgeranno ruoli precisi nelle azioni da realizzare nei prossimi 4 anni.

Il territorio del medio adriatico italiano, col suo straordinario patrimonio paesistico e naturale, nonostante i fattori di pressione e di degrado presenti in diverse aree, mantiene un grande valore, fornisce servizi di grande importanza per la qualità della nostra vita, per diverse delle nostre attività economiche.

Per mantenere questo patrimonio per le prossime generazioni, bisogna interrompere i processi di degrado e alimentare attività di risanamento e recupero, che non riguardano solo il costruito, ma anche lo spazio aperto e le aree verdi, da quelle più di pregio ai parchi urbani, ai piccoli giardini, ai lembi di aree agricole presenti all’interno o ai margini delle nostre città, valorizzando o recuperando le connessioni con i grandi corridoi ambientali rappresentati dalle aste fluviali e dalle colline costiere.

I territori costieri risultano particolarmente esposti all’innalzamento delle temperature e alle ondate di calore – ha dichiarato l’Arch. Pierpaolo Pescara, Direttore del Dipartimento Territorio – Ambiente della Regione Abruzzo, Project Manager del progetto -. Una criticità testimoniata dalla città di Pescara, per esempio, che tra il 2007 e il 2016 ha presentato un aumento significativo nelle temperature estreme di ben 4,12°C (dato ISTAT). L’aumento delle temperature e delle ondate di calore condizionerà il nostro futuro mettendo a rischio la nostra salute e la qualità ambientale del nostro territorio. Per questo con A_Greenet vogliamo affrontare concretamente il problema mediante la progettazione e la rigenerazione di infrastrutture verdi a livello territoriale e urbano per abbassare le temperature, migliorare il comfort urbano e quindi la qualità della vita delle persone, diminuendo i rischi per la salute e favorendo le relazioni sociali”.

LIFE A_Greenet è un progetto ambizioso e innovativo che alla pianificazione urbanistica affiancherà obiettivi sociali e culturali nella prospettiva di una concezione partecipativa della progettazione urbana e della gestione del verde, attraverso i Contratti di forestazione, interventi bottom-up (progetti privati finanziati dai partners attraverso bandi a sportello), attività finanziate mediante campagne di crowdfunding, i Piani di Gestione delle pinete costiere e del verde urbano e l’attivazione di un Osservatorio cambiamenti climatici e salute che vedrà lavorare insieme esperti di diverse discipline, in relazione con l’osservatorio recentemente creato dall’Unione Europea.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Verso G20 di Roma e Cop26, Legambiente: “Urgente accelerare il processo della transizione ecologica”

Per l’associazione servono più comunità energetiche, parchi eolici, economia circolare, mobilità elettrica, cicli produttivi che non consumano più fonti fossili. Il 23 ottobre nella capitale flash mob per richiamare l’attenzione dei leader politici

QualEnergia SETTEMBRE/OTTOBRE 2021

FOCUS KEY ENERGY 2021 Fiera internazionale del clima, rinnovabili, efficienza e mobilità; Rimini 26-29 ottobre RINNOVABILI CONTRO IL CARO BOLLETTE In vista della Cop26 accelerare sul contenimento...

Turismo sostenibile, investimenti da un milione di euro per la cooperativa Fairbnb

Grazie al supporto assicurato da Fondo Sviluppo, SEFEA Impact e Coopfond. Prenotando un alloggio su Fairbnb.coop chi viaggia ora avrà l'opportunità di contribuire alla campagna di crowdfunding “Alleva la speranza +”

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Verso G20 di Roma e Cop26, Legambiente: “Urgente accelerare il processo della transizione ecologica”

Per l’associazione servono più comunità energetiche, parchi eolici, economia circolare, mobilità elettrica, cicli produttivi che non consumano più fonti fossili. Il 23 ottobre nella capitale flash mob per richiamare l’attenzione dei leader politici

Turismo sostenibile, investimenti da un milione di euro per la cooperativa Fairbnb

Grazie al supporto assicurato da Fondo Sviluppo, SEFEA Impact e Coopfond. Prenotando un alloggio su Fairbnb.coop chi viaggia ora avrà l'opportunità di contribuire alla campagna di crowdfunding “Alleva la speranza +”

Borghi d’Italia, presentato in Senato un protocollo per valorizzare turismo e cultura

I principali obiettivi sono progetti di sviluppo sostenibile, coinvolgimento delle comunità e nuovi posti di lavoro. Tra le associazioni firmatarie anche Legambiente: "I territori siano centrali nella transizione ecologica e digitale e non restino al margine della scommessa del Pnrr"

Stadi e impianti sportivi in Italia, il 60% costruito prima del 1980

Dal mensile - In Italia ci sono circa centomila impianti sportivi, il 60% costruito prima del 1980. Riqualificarli, evitando nuovo cemento, è la tattica vincente. Per tutti

Giochi senza impatto

Dal mensile - I testimonial green prendono campo nello sport. E con “Ecoevents” anche le grandi manifestazioni diventeranno sostenibili
Ridimensiona font
Contrasto