mercoledì 25 Novembre 2020

Cosenza, il depuratore più grande del Sud scaricava rifiuti velenosi

Depuratore

Il doppio volto di un depuratore a Bisignano (Cs). Di giorno funzionava a pieno regime, di notte sversava tutti i rifiuti pericolosi nel fiume Mucone. Un bypass travasava tutto, dalle cisterne al corso d’acqua. Un mix di veleni che comprendeva azoto ammoniacale, mercurio, ferro, boro, zinco, arsenico, cromo, nichel e idrocarburi ed Escherichia coli, trovati nell’acqua fluviale (grazie a 102 prelievi) con valori fino a 40mila volte il limite consentito. Con il risultato d’aver causato «la compromissione e il deterioramento delle acque e del relativo ecosistema». Proprio per questo i carabinieri forestali di Cosenza e la compagnia Carabinieri di Rende hanno fatto scattare l’“Operazione arsenico”, coordinati dalla Procura di Cosenza, sequestrando il depuratore di Bisignano e l’impianto di trattamento rifiuti. Hanno anche emesso misure cautelari nei confronti dei due responsabili della società di gestione dell’impianto, amministratore delegato e direttore, che ai dodici dipendenti (anche questi indagati) avevano dato ordine di sversare nel fiume, senza alcun trattamento, rifiuti provenienti da siti industriali in Campania, Basilicata, Puglia, Sicilia e Calabria.

«L’indagine ha dimostrato – ha detto il Procuratore, Mario Spagnuolo – che abbiamo interrotto un inquinamento assolutamente grave e importante». Tanto che adesso «occorre fare verifiche di tipo ambientale e amministrativo» e anche »dotarsi degli strumenti normativi e fare indagini epidemiologiche per vedere l’incidenza sulla salute dei cittadini». E ancora: «Stiamo parlando del più grosso depuratore industriale del Meridione d’Italia, che ha contratti per milioni e milioni di euro con una serie di siti industriali dove si producono rifiuti pericolosi che devono essere smaltiti».

I rifiuti speciali erano conferiti nell’impianto di trattamento della Consuleco che avrebbe dovuto trattarli per ridurre il livello di elementi inquinanti entro i limiti previsti per poi conferirli in testa all’impianto di depurazione comunale di Bisignano, dove avrebbero dovuto proseguire il trattamento previsto. Questo processo, però, non avveniva di notte.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Clima, negli ultimi dieci anni l’Italia colpita da quasi mille fenomeni estremi

Roma, Bari, Milano e Agrigento le città che hanno subito i danni maggiori. I dati del Rapporto 2020 dell’Osservatorio CittàClima di Legambiente "Il clima è già cambiato". SEGUI LA DIRETTA e SCARICA IL RAPPORTO 2020

Bruxelles, presentato il nuovo logo per il packaging in vetro

Per 9 europei su 10 il vetro è il miglior contenitore di alimenti e bevande. Il nuovo logo è un marchio di garanzia che ne "certifica" qualità e benefici

Rapporto CittàClima 2020

Presentazione del Rapporto 2020 dell’osservatorio di Legambiente CittàClima: la mappa di 10 anni di impatti sul territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,131FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Clima, negli ultimi dieci anni l’Italia colpita da quasi mille fenomeni estremi

Roma, Bari, Milano e Agrigento le città che hanno subito i danni maggiori. I dati del Rapporto 2020 dell’Osservatorio CittàClima di Legambiente "Il clima è già cambiato". SEGUI LA DIRETTA e SCARICA IL RAPPORTO 2020

Bruxelles, presentato il nuovo logo per il packaging in vetro

Per 9 europei su 10 il vetro è il miglior contenitore di alimenti e bevande. Il nuovo logo è un marchio di garanzia che ne "certifica" qualità e benefici

Rapporto CittàClima 2020

Presentazione del Rapporto 2020 dell’osservatorio di Legambiente CittàClima: la mappa di 10 anni di impatti sul territorio italiano

Notte europea dei ricercatori, quest’anno un’edizione tutta in streaming

Una settimana ricca di eventi, incontri, documentari e talk online per aumentare la consapevolezza dei cittadini sulle sfide globali della società. E il 27 novembre in diretta sulla piattaforma digitale Rai Play

Lanciato il nuovo satellite di Copernicus per monitorare l’innalzamento dei mari

Sentinel-6 Michael Freilich mapperà ogni 10 giorni il 95% degli oceani della Terra liberi da ghiaccio e fornirà importanti informazioni per studiare il clima e gli effetti del cambiamento climatico / Erosione costiera, Legambiente: in 50 anni persi 23 metri di profondità di spiagge