venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Corte Ue: Polonia mette a rischio foresta Bialowieża

immagine di alberi tagliati

Con il programma di disboscamento della foresta Białowieża, la Polonia ha violato le direttive Ue habitat e uccelli. Sono le conclusioni dell’avvocato generale della Corte Ue sul caso di una delle ultime foreste vergini d’Europa, patrimonio Unesco e sito protetto Natura 2000, dal 2016 al centro di un piano di sfruttamento da parte di Varsavia. “Posso già confermare – ha commentato oggi il neoministro dell’ambiente polacco Henryk Kowalczyk – che la Polonia rispetterà e attuerà la sentenza della Corte di giustizia europea”. Il parere dell’avvocato generale, con sentenza attesa in aprile, dà ragione alla Commissione.

Il piano di sfruttamento della foresta Bialowieża è stato contestato dalla Commissione europea che, dopo aver deferito la Polonia in Corte, aveva chiesto di sospenderlo in attesa della sentenza. Le autorità polacche hanno sempre sostenuto che il disboscamento fosse necessario a causa dell’invasione di un coleottero nocivo e avevano continuato ad autorizzare il taglio di legname nonostante la domanda della Commissione. La tensione con Bruxelles era salita fino alla richiesta di multe per la Polonia per, precedente singolare, inadempienza su misure provvisorie. Richiesta parzialmente accolta dalla Corte e a certe condizioni, violate le quali Varsavia avrebbe dovuto versare alle casse Ue 100mila euro di multa al giorno dalla data di notifica dell’ordine stesso. Le multe non sono state necessarie, a inizio anno il ministro dell’ambiente a Varsavia è cambiato, Henryk Kowalczyk è succeduto a Jan Szyszko, ed è iniziata la distensione con Bruxelles. Il parere dell’avvocato generale della Corte Ue sulla foresta Białowieża “dovrebbe essere un campanello d’allarme per i governi di tutta l’Ue che non rispettano le direttive Ue sulla protezione della natura”. E’ il monito di Sabien Leemans del Wwf Europa, a seguito del pronunciamento dell’avvocato generale della Corte Ue secondo cui il piano di sfruttamento della foresta da parte della Polonia è illegale. “La Commissione europea – conclude Leemans – deve diventare molto più dura nei confronti degli stati membri per dimostrare chiaramente che qualsiasi violazione delle direttive natura avrà gravi conseguenze”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc
Ridimensiona font
Contrasto