sabato 28 Novembre 2020

Corte Ue: Polonia mette a rischio foresta Bialowieża

immagine di alberi tagliati

Con il programma di disboscamento della foresta Białowieża, la Polonia ha violato le direttive Ue habitat e uccelli. Sono le conclusioni dell’avvocato generale della Corte Ue sul caso di una delle ultime foreste vergini d’Europa, patrimonio Unesco e sito protetto Natura 2000, dal 2016 al centro di un piano di sfruttamento da parte di Varsavia. “Posso già confermare – ha commentato oggi il neoministro dell’ambiente polacco Henryk Kowalczyk – che la Polonia rispetterà e attuerà la sentenza della Corte di giustizia europea”. Il parere dell’avvocato generale, con sentenza attesa in aprile, dà ragione alla Commissione.

Il piano di sfruttamento della foresta Bialowieża è stato contestato dalla Commissione europea che, dopo aver deferito la Polonia in Corte, aveva chiesto di sospenderlo in attesa della sentenza. Le autorità polacche hanno sempre sostenuto che il disboscamento fosse necessario a causa dell’invasione di un coleottero nocivo e avevano continuato ad autorizzare il taglio di legname nonostante la domanda della Commissione. La tensione con Bruxelles era salita fino alla richiesta di multe per la Polonia per, precedente singolare, inadempienza su misure provvisorie. Richiesta parzialmente accolta dalla Corte e a certe condizioni, violate le quali Varsavia avrebbe dovuto versare alle casse Ue 100mila euro di multa al giorno dalla data di notifica dell’ordine stesso. Le multe non sono state necessarie, a inizio anno il ministro dell’ambiente a Varsavia è cambiato, Henryk Kowalczyk è succeduto a Jan Szyszko, ed è iniziata la distensione con Bruxelles. Il parere dell’avvocato generale della Corte Ue sulla foresta Białowieża “dovrebbe essere un campanello d’allarme per i governi di tutta l’Ue che non rispettano le direttive Ue sulla protezione della natura”. E’ il monito di Sabien Leemans del Wwf Europa, a seguito del pronunciamento dell’avvocato generale della Corte Ue secondo cui il piano di sfruttamento della foresta da parte della Polonia è illegale. “La Commissione europea – conclude Leemans – deve diventare molto più dura nei confronti degli stati membri per dimostrare chiaramente che qualsiasi violazione delle direttive natura avrà gravi conseguenze”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,149FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Armi, secondo la Legge di Bilancio nel 2021 verranno spesi 6 miliardi di euro

Campagna Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo: "Per noi è chiaro. Più sanità e istruzione, meno armamenti"

Alluvione a Crotone, “per l’emergenza climatica il tempo è scaduto”

Appello di Legambiente Calabria dopo l'ennessimo disastro ambientale nella città calabrese. La presidente Anna Parretta: "Indispensabile che la Regione Calabria affronti l’emergenza climatica a partire dai nodi irrisolti del dissesto idrogeologico, dell’abusivismo edilizio e delle scelte urbanistico-edilizie totalmente errate”