venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Coronavirus, gli Usa sospendono l’applicazione delle leggi ambientali

Trump e clima

L’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti (Epa), d’accordo con l’amministrazione Trump, ha sospeso l’applicazione delle leggi ambientali a causa dell’epidemia di Coronavirus in corso, segnalando alle aziende che non ci sarà alcuna sanzione per l’inquinamento prodotto. Gli “inquinatori” potranno ignorare le leggi ambientali, almeno fino a quando potranno sostenere che le violazioni delle regole siano state causate (seppur indirettamente) dalla pandemia di Covid-19. Per peggiorare la situazione, l’Epa non ha ancora fissato nessuna data di scadenza per questa sospensione delle leggi.

E’ una mossa anomala, che ha stupito gli ex funzionari dell’Epa e causato lo sdegno dei gruppi ambientalisti statunitensi, che considerano la sospensione delle leggi ambientali un ulteriore rischio per la salute dei cittadini. L’Epa ha fatto sapere che, in caso di minaccia imminente per la salute pubblica, si rimetterà agli Stati e “valuterà le circostanze” per decidere se intervenire o meno.  Andrew Wheeler, amministratore dell’Epa, ha dichiarato che il Coronavirus ha reso difficile per le imprese proteggere i lavoratori e il pubblico nel rispetto delle regole ambientali, spiegando che sarà solo un provvedimento temporaneo.

Cynthia Giles, che era a capo dell’Epa durante l’amministrazione Obama, ha inviato una lettera all’Epa, firmata anche da una serie di altri sostenitori dell’ambiente, in cui si sottolinea che “permettere il potenziale rilascio di inquinanti atmosferici tossici e di altri inquinanti che possono provocare problemi di asma, difficoltà respiratorie e problemi cardiovascolari nel bel mezzo di una pandemia di una malattia il cui pricipale sintomo è l’insufficienza respiratoria è un gesto irresponsabile”. Giles ha anche aggiunto che “l’Epa non dovrebbe mai rinunciare al suo obbligo di agire immediatamente e con decisione quando c’è una minaccia alla salute pubblica”.

Particolare preoccupazione desta l’inquinamento atmosferico emesso dagli impianti industriali, in cui sono occupate prevalentemente persone a basso reddito. Le raffinerie di petrolio, per esempio, non saranno costrette a ridurre le loro emissioni cancerogene di benzene. Dieci raffinerie, la maggior parte delle quali in Texas, hanno già superato i limiti.

Da un articolo del Guardian si apprende che l’allentamento delle leggi ambientali fa seguito alle pressioni dell’American Petroleum Institute, un gruppo dell’industria petrolifera e del gas, che la scorsa settimana ha inviato all’Epa una lettera in cui si chiedeva la sospensione delle norme che richiedono il monitoraggio dell’inquinamento e la riparazione delle apparecchiature che perdono materia inquinante. La decisione dell’Epa va anche oltre questa richiesta, anche se il governo ha dichiarato che si aspetta che le imprese si conformino alle leggi “almeno quando ragionevolmente possibile” e che non saranno tollerate violazioni flagranti e intenzionali.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc
Ridimensiona font
Contrasto