venerdì, Ottobre 23, 2020

Coronavirus, più investimenti per la salute e meno per le armi

Immagini di missili italiani inviati in Yemen

Tra i settori produttivi bloccati tramite decreto della presidenza del Consiglio per far fronte all’emergenza Coronavirus, non c’è traccia dell’industria militare. Un paradosso inaccettabile secondo i promotori della campagna per la “Difesa civile, non armata e nonviolenta”, sostenuta anche da Legambiente.

Per i promotori della campagna è inconcepibile che la spesa militare, arrivata secondo le stime dell’Osservatorio Mil€x nel 2019 a circa 25 miliardi di euro (1,40% rispetto al PIL) e con una previsione di oltre 26 miliardi di euro per il 2020 (1,43% rispetto al PIL), non sia stata minimamente considerata dal governo nel piano di blocco della produzione nazionale.

Questa emergenza deve rappresentare l’occasione giusta per invertire finalmente questa tendenza spostando risorse dall’industria militare al settore sanitario, che al contrario negli ultimi anni ha visto ridotti gli investimenti a suo vantaggio passati dal 7% al 6,5% del Pil, con un taglio di oltre 43.000 posti di lavoro e in dieci anni un definanziamento complessivo di 37 miliardi e numero di posti letto per 1.000 abitanti negli ospedali sceso al 3,2 nel 2017 (la media europea è del 5, dati della Fondazione GIMBE – Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze).

“È evidente a tutti (tranne che a certi manager e a certi politici): abbiamo bisogno di caschi per la respirazione ventilata, non di caschi per i piloti degli F-35 – dichiarano sul Manifesto Mao Valpiana, presidente del Movimento Nonviolento, e Francesco Vignarca, coordinatore Rete Italiana per il Disarmo – Abbiamo bisogno di posti letto di terapia intensiva, non di posti di comando nelle caserme. L’industria bellica non è un settore essenziale e strategico: questa può essere l’occasione per un ripensamento e una riconversione necessaria (in primo luogo verso produzioni sanitarie)”. Per questo l’impegno delle reti e movimenti italiani per la Pace e il Disarmo si basa da tempo sulla richiesta di una drastica riduzione delle spese militari, a favore di quelle sociali”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,882FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

In Italia 598 Comuni rifiuti free, in crescita quelli del Sud

Legambiente premia i Comuni Ricicloni 2020. Il Nord Est guida la graduatoria grazie a porta a porta e tariffazione puntuale, con Veneto e Trentino Alto Adige le regioni più virtuose. In risalita il Meridione, mentre resta stabile l'andamento del Centro. I risultati dell'indagine

Recovery plan, “Un investimento per il futuro dei nostri figli”

Il sottosegretario del ministero dell’Ambiente Roberto Morassut indica la direzione prevista per i fondi in arrivo dalla Commissione europea. Tra le priorità gli impianti per la rigenerazione dei rifiuti, una maggiore applicazione del Gpp e l’emanazione di nuovi decreti End of waste