venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Coronavirus, confermato il collegamento tra pandemia e perdita di habitat degli animali

Coronavirus animali

Emergono nuove evidenze della connessione diretta tra l’invasività delle attività umane sulla natura e l’insorgere di pandemie come il Covid-19. A confermare lo stretto legame è adesso uno studio condotto da un team di ricercatori della UC Davis School of Veterinary Medicine, in California, pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society B.

L’indagine si basa sull’analisi di 142 virus sconosciuti che sono passati dagli animali all’uomo e sui risultati emersi dall’incrocio delle segnalazioni di malattie infettive innescate dal contatto tra animali selvatici ed esseri umani e le informazioni sul rischio di estinzione di specie selvatiche – causato principalmente da bracconaggio, commercio e progressiva perdita di oasi di biodiversità – raccolte dallo Iucn (International union for the conservation of nature).

“Con la riduzione del proprio habitat naturale, la fauna selvatica entra in stretto contatto con le persone”, ha spiegato alla Bbc Christine Kreuder Johnson, l’autore principale dello studio. “La fauna selvatica tende ad adattarsi agli effetti delle attività antropogeniche e alla modifica del proprio habitat naturale. Ciò accelera l’emergenza di malattie dalla fauna selvatica, il che ci pone a rischio di pandemie perché siamo tutti collegati a livello globale attraverso i viaggi e il commercio”.

Secondo lo studio, gli animali selvatici a rischio di estinzione a causa delle attività dell’uomo o per la perdita del loro habitat “trasportano” il doppio dei virus rispetto agli altri animali. In generale gli animali selvatici prossimi a estinguersi sono in numero ridotto, motivo per cui comportano un basso rischio di trasmissione di malattie infettive a meno che, come detto, il bracconaggio, il commercio e la vendita negli affollatissimi wet market (mercati umidi, dove il “salto di specie” è enormemente facilitato) e la conseguente perdita di habitat naturale non li spingano verso un contatto con le persone.

L’attuale emergenza Coronavirus, sommata ad altre malattie che negli ultimi anni hanno avuto origine negli animali diffondendosi attraverso un loro contatto con gli esseri umani – come Sars, Mers ed Ebola – stanno dunque confermando che la nostra salute dipende direttamente dalla salute degli animali e da quella del pianeta. Motivo per cui una cerchia di organizzazioni sempre più ampia chiede di fermare il commercio di animali selvatici. “L’emergenza di una malattia che si verifica ovunque può interessare ognuno di noi – ha ribadito l’autore dello studio – Dobbiamo essere consapevoli dell’impatto che abbiamo quando interagiamo con la fauna selvatica, renderci conto che un’emergenza sanitaria è un problema ambientale e trovare modi più sostenibili per convivere”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

101 Premi Nobel contro i combustibili fossili

Il Dalai Lama tra i firmatari di una lettera ai leader mondiali per chiedere un rapido passaggio alle energie rinnovabili. Per una transizione rapida e giusta

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto