sabato 23 Gennaio 2021

Coronavirus, a New Delhi inquinamento atmosferico in calo del 60% rispetto al 2019

New Delhi lockdown

Il lockdown globale che nelle ultime settimane ha portato a un blocco di attività produttive e circolazione di mezzi per il contenimento dell’emergenza Covid-19, ha causato una riduzione dell’inquinamento atmosferico senza precedenti. A confermarlo è uno studio condotto da un team di ricercatori della IQAir, società specializzata in studi sulla qualità dell’aria e sulle nuove tecnologie per migliorarne i livelli.

Lo studio della IQAir è stato pubblicato ieri per il 50esimo anniversario della Giornata della Terra. Le città prese in esame sono dieci. Si tratta di metropoli in cui dallo scoppio della pandemia è stato registrato un elevato numero di contagi e, in risposta, l’attivazione di misure molto restrittive per il suo contenimento. Il confronto tra queste ultime settimane di blocco e lo stesso periodo dello scorso anno è stato fatto prendendo in riferimento i livelli di PM 2.5, considerato particolarmente nocivo per l’uomo in quanto può depositarsi nei polmoni e immettersi nel flusso sanguigno.

Emblematico è il caso di New Delhi, in cima alla classifica delle città più inquinate del mondo, dove tra il 23 marzo e il 13 aprile c’è stata una riduzione del 60% del livello di PM 2.5. Sempre a New Delhi negli stessi giorni il numero di ore classificate come “insalubri” è sceso dal 68% nel 2019 al 17% nel 2020.

A Seul, capitale della Corea del Sud dove i livelli di inquinamento da polveri sottili sono secondo l’Ocse (Organizzazione per la cooperazione allo sviluppo) tra i più allarmanti al mondo, tra il 26 febbraio e il 18 marzo il calo di PM 2.5 è stato del 54%.

Nella città cinese di Wuhan, primo focolaio del virus, sempre tra il 26 febbraio e il 18 marzo la riduzione dell’inquinamento atmosferico è stata del 44%, con la concentrazione media di PM 2.5 precipitata da 63,2 e 43,9 microgrammi per metro cubo di febbraio e marzo 2019 a 36,8 e 32,9 degli stessi mesi di quest’anno.

Negli Stati Uniti, Los Angeles ha registrato il suo più lungo periodo di aria pulita di sempre – 18 giorni, dal 7 al 28 marzo – e livelli di concentrazione di PM 2,5 diminuiti del 31% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. In Europa, sono Londra e Madrid le città in cui le riduzioni di PM2.5 rispetto al 2019 sono state finora le più significative.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia