venerdì 14 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Coronavirus e inquinamento, nuova conferma dagli USA

immagine di grattacieli di New York cinti dallo smog

Dopo gli studi già presentati in Italia, una nuova conferma arriva anche dagli Stati Uniti. I pazienti affetti da Coronavirus in aree che prima della pandemia avevano alti livelli di inquinamento atmosferico hanno più probabilità di morire rispetto ai pazienti che vivono in altre zone del paese. Lo rivela un nuovo studio dell’Università di Harvard, pubblicato sul New England Journal of Medicine, guidato dall’italiana Francesca Dominici, che offre un chiaro collegamento tra esposizione a inquinamento e tasso di mortalità da Covid-19 nei pazienti statunitensi.

I ricercatori della Harvard University T.H. Chan School of Public Health hanno effettuato un’analisi in 3.080 contee degli Stati Uniti, scoprendo che i livelli più alti di particolato atmosferico dannoso, noto come PM 2.5, si associavano a tassi di mortalità più elevati. In particolare, basta un aumento di soli 1 μg/m3 di PM2.5 per aumentare del 15% il tasso di mortalità Covid-19.

La ricerca ha anche mostrato una “grande sovrapposizione” tra i decessi di Covid-19 e altre malattie pregresse sempre associate all’esposizione a lungo termine al particolato atmosferico.

“I risultati di questo studio suggeriscono che l’esposizione all’inquinamento aumenta la vulnerabilità al Covid-19”, hanno scritto gli autori. Nel complesso, la ricerca potrebbe avere implicazioni significative per il modo in cui i funzionari della sanità pubblica sceglieranno di distribuire risorse come ventilatori e respiratori, necessari ai pazienti in situazioni più gravi.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Il 13 maggio l’overshoot day per l’Italia

Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il 13 maggio l’overshoot day per l’Italia

Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Moda e sostenibilità: al via la partnership tra Apparel Impact Institute e Legambiente

L’obiettivo è sviluppare un piano di progetti e azioni per far sì che le attività della filiera di settore abbiano un impatto sempre più positivo sull’ambiente anche nel nostro Paese

I Fridays for future (e non solo) manifestano contro Eni

I presìdi sono organizzati lo stesso giorno dell'assemblea degli azionisti. Denunciano le responsabilità del cane a sei zampe nella crisi climatica e nella devastazione ambientale
Ridimensiona font
Contrasto