venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Coronavirus, l’Indonesia elimina l’obbligo di certificazione di provenienza del legname destinato all’esportazione

La decisione dell’Indonesia di eliminare il sistema della “licenza SVLK” (o FLEGT), cioè un documento legale verificato che conferma che un carico di legname, o suoi derivati destinati all’esportazione, siano stati prodotti legalmente, sconvolge il mercato europeo. Il sistema verifica l’origine del legno, e garantisce che l’Unione Europea importi solo prodotti di legno con provenienza sostenibile.

Il Ministero del Commercio indonesiano ha emesso un regolamento a febbraio, che entrerà in vigore il 27 maggio, secondo il quale gli esportatori non avranno più bisogno di ottenere licenze, che sono il cuore del sistema di verifica della legalità del legname dell’Indonesia, e che hanno richiesto al paese un intero decennio di sforzi e aggiornamenti nel tentativo di contrastare la deforestazione illegale. Krystof Obidzinski, esperto di sostenibilità presso l’Istituto forestale europeo, ha fatto sapere tramite una comunicazione via web che l’Ue è “chiaramente molto delusa” dalla decisione, e che “se entro il 27 maggio non saranno adottate nuove misure, ci sarà la possibilità che l’Ue sospenda il commercio di legname con l’Indonesia”.

Il Ministro del Commercio indonesiano Agus Suparmanto ha giustificato l’abolizione dell’obbligo di licenza come uno stimolo per rilanciare il commercio del legname,  in un momento di rallentamento causato dall’epidemia di Coronavirus. Ma, eliminando l’obbligo di licenza, ha di fatto violato l’accordo Indonesia-Ue. Secondo Syahrul Fitra, ricercatore e legale della Ong ambientalista Auriga, la logica non regge e la decisione potrebbe addirittura danneggiare l’industria del legno, mettendo un’altra volta in dubbio la sua origine. Per oltre due decenni, infatti, l’80% delle esportazioni di legname indonesiano ha avuto provenienza illegale.

Con l’introduzione del sistema SVLK nel 2009, l’Indonesia è riuscita a ricostruire la fiducia globale nella legalità delle sue esportazioni di legno, potendo aumentare i prezzi per i pregiati legni tropicali come il teak, il meranti e l’ulin. Oggi, secondo i dati ufficiali, il 100% del legname proveniente da concessioni forestali naturali e da piantagioni è certificato SVLK, ma una quantità di legno proveniente da aree disboscate illegalmente entra ancora nella catena di approvvigionamento.

Nel 2013, il valore delle esportazioni dell’Indonesia è stato di 6 miliardi di dollari; nel 2019, la cifra è stata quasi il doppio (11,6 miliardi di dollari) con l’Ue che rappresenta il 9% del mercato (dati provenienti dall’articolo originale su Mongabay). Un’indagine dell’IMM, che analizza i dati commerciali tra l’Ue e i paesi con i quali ha stipulato accordi di legalità, ha rilevato che le licenze rendono più facile l’importazione dall’Indonesia. “Ma tutti questi risultati saranno compromessi dall’eliminazione dell’obbligo di licenza certificata – conclude Syarhul –  l’Ue non crederà più nella legalità delle esportazioni di legname indonesiano, così le piccole e medie imprese esportatrici avranno immense difficoltà a riprendersi dalla crisi”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER  

SOSTIENI IL MENSILE 

Giulia Assogna
Biologa specializzata in Biodiversità e Gestione degli ecosistemi. Dopo lo studio in Spagna, un periodo di ricerca sul campo nella foresta brasiliana (Bahia) e un Master in Comunicazione della scienza, ora si occupa di giornalismo ambientale, ecologia, evoluzione e progressi biotecnologici. Collabora con La Nuova Ecologia, Le Scienze e Mind.

Articoli correlati

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto