venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Coronavirus, diario dall’isolamento: ventisettesimo giorno

PasquaDiario dall’isolamento, ventisettesimo giorno. Quella che comincia oggi sarà, psicologicamente, la settimana più difficile da quando è cominciata la pandemia. Aspetterò con ansia i numeri del contagio in Italia, sperando, com’è successo ieri, che quelli delle vittime continuino a scendere sempre più velocemente. Se dovesse accadere, lo so già, avrò una reazione euforica perché sentirò più vicino il giorno della liberazione. E invece per la prima volta nella mia vita sarò costretto a trascorrere chiuso in casa sia la domenica di Pasqua sia, a prescindere dal sole o dalla pioggia, il lunedì di Pasquetta.

A ricordarmi che ci vorrà ancora molto tempo prima di vincere la sfida con la Sars-cov-2 saranno le immagini di tutte le persone che prima in Lombardia, poi in Toscana e quindi, inevitabilmente, nel resto del Paese potranno uscire dalle loro abitazioni, per ragioni di necessità, solo indossando una mascherina. Ma a preoccuparmi saranno soprattutto le notizie che continueranno ad arrivare dal resto del mondo, con la crescita impressionante di vittime ovunque, tranne che, speriamo, da noi e forse in Spagna.

Seguirò con apprensione le decisioni che verranno prese questa settimana dal nostro governo, con il contributo, speriamo, delle forze politiche di opposizione e di tutte le organizzazioni sociali, da quelle di categoria ai sindacati e al Terzo settore. E attenderò, ma sperandoci poco, che l’Europa ritrovi sè stessa. Lo farò con la speranza che dopo il 13 aprile cominci finalmente quella che tutti chiamano la “fase 2”, anche se nessuno sa ancora esattamente cosa voglia dire.

Una mia cara amica, Alma, ha scritto giorni fa un post che mi ha fatto riflettere su un errore, grave, di linguaggio che facevo anche io, paragonando a una guerra quello che sto vivendo. Costretto in casa, ma con la possibilità di uscire a fare la spesa, lavorare con il mio computer, incontrare, grazie a whatsapp, familiari e amici, condividere dirette facebook e così via. Nulla a che vedere con la guerra vera, come quella combattuta in Italia contro il nazismo e il fascismo o quella che subiscono ancora oggi le popolazioni civili in Siria, Yemen, Libia, tra case e città distrutte dalle bombe, milioni di profughi e centinaia di migliaia di morti.

Ci sono sostantivi, però, come liberazione e ricostruzione, che ricorrono alla stessa maniera. Per le persone più fragili, quelle che già vivevano in condizioni di disagio e di povertà, se ne aggiunge un’altra: sopravvivenza. Che vale anche per moltissime imprese. E, infine, ce n’è una che sto usando molto, in questo primo post della settimana più lunga da quando è esplosa la pandemia: speranza. E’ la stessa parola che dà un senso universale alla resurrezione della Pasqua, al di là della fede di ognuno. Con una radice etimologica molto più antica della “spes” latina: il sanscrito “spa”, che significava “tendere verso una meta”. Non avere fiducia che accada in futuro qualcosa di buono, ma adoperarsi perché possa avvenire. Restare a casa, insomma, è il nostro modo di alimentare la speranza in questa difficile settimana, dare un contributo alla liberazione dal coronavirus e lavorare, per quello che ognuno di noi può fare, alla ricostruzione. Daje! #quellocolbongo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

 

Enrico Fontana
Giornalista. membro della segreteria nazionale di Legambiente. Responsabile dell’Osservatorio Ambiente e legalità di Legambiente

Articoli correlati

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto