venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Coronavirus, diario dall’isolamento: trentasettesimo giorno

InvestimentiDiario dall’isolamento, trentasettesimo giorno. La domanda sorge spontanea, avrebbe detto l’indimenticabile Antonio Lubrano, a commento di una delle sue tante inchieste in tv sull’Italia dei truffati (e dei truffatori): “è possibile fare in modo che la più poderosa delle manovre di immissione di liquidità nel mercato delle imprese (quella prevista dal decreto n. 23 dello scorso 8 aprile, ndr) non apra la strada a sistematici abusi e ruberie?”. Solo che questa volta a farla, testualmente, dalle pagine di Repubblica sono due dei più importanti magistrati italiani, che guidano le procure di Milano e Napoli: rispettivamente Francesco Greco e Giovanni Melillo. La risposta è semplice: sì, ma non c’hanno pensato.

Greco e Melillo guidano due uffici giudiziari in cui le inchieste hanno, da tempo, svelato quanto siano profondi gli intrecci tra mafie, corruzione, evasione fiscale, riciclaggio, ma anche traffici illegali di rifiuti. Lo scrivono con chiarezza in una lettera pubblicata lo scorso 11 aprile: nel nostro Paese “il crimine organizzato, la corruzione e l’evasione fiscale sono connotazioni strutturali di ampia parte del tessuto sociale ed economico”. E il governo cosa fa, quando approva il decreto “Liquidità” con cui impegna lo Stato a garantire un imponente flusso di credito, pari a 400 miliardi di euro, verso le imprese messe in ginocchio dal Covid 19? Abdica, di fatto, a qualsiasi forma di controllo preventivo.

“Nessun strumento tecnico-giuridico è previsto quale riparo dal rischio di finanziamento pubblico di imprese mafiose”, scrivono quasi con amarezza Greco e Melillo. Anche perché si tratta, come dovrebbe sapere pure chi il decreto Liquidità lo ha scritto, di “un rischio assai concreto, avendo ben chiare le reali dimensioni dell’espansione affaristica propria delle componenti più raffinate dei circuiti di influenza mafiosa”. Non è prevista neppure una banalissima autocertificazione, con la quale chiedere “all’imprenditore di attestare, innanzitutto, di non essere sottoposto a procedimenti per gravi delitti, innanzitutto di criminalità organizzata, corruzione, frode fiscale”. E, ci permettiamo di aggiungere noi, per quei gravi delitti ambientali inseriti dal 2015 nel nostro Codice penale, grazie al testardo lavoro fatto da Legambiente per 21 anni, con la pubblicazione annuale del Rapporto Ecomafia: inquinamento e disastro ambientale, omessa bonifica, traffico illecito di rifiuti (già in vigore dal 2001), solo per citare quelli più significativi. Tutti reati d’impresa. L’eventuale falsità dell’autodichiarazione, aggiungono Greco e Melillo, sarebbe stata “agevolmente verificabile e gravemente sanzionabile”.

Non basta. Un caro amico che lavora in un importante istituto di credito, occupandosi proprio di verificare, l’affidabilità reputazionale di chi chiede soldi in prestito, mi aveva segnalato, prim’ancora della lettera di Greco e Melillo, una delle tante deroghe di quest’era del Covid 19, inserita nel decreto Liquidità all’art. 13, comma 5, per essere precisi: le piccole e medie imprese possono accedere al Fondo di garanzia anche senza il rilascio della certificazione antimafia. Se dai successivi controlli dovesse emergere che a quella certificazione non avevano diritto, il prestito viene revocato ma la garanzia dello Stato resta. Il rischio che con risorse pubbliche, da destinare alle imprese in crisi, si finisca per finanziare le mafie, come scrivono di nuovo Greco e Melillo, “sembra finanche accettato con rassegnazione”.

Non basta ancora. Nel decreto Liquidità non c’è neppure nessun obbligo sulla tracciabilità dei finanziamenti concessi dalle banche perché garantiti dallo Stato. Sarebbe sufficiente prevedere l’utilizzo di conti correnti dedicati, con la rendicontazione di come quelle somme sono state impiegate, né più né meno di quello che già succede, per esempio, con le donazioni ricevute dagli enti del Terzo settore. Sono i “silenzi del decreto”, stigmatizzati dai due procuratori. Tutto in nome dell’emergenza coronavirus e della necessaria rapidità delle risposte, anche finanziarie, di cui il Paese ha bisogno.

La denuncia dei due procuratori è stata rilanciata dai loro colleghi del Consiglio superiore della magistratura. E, così racconta sempre Repubblica, il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ha messo immediatamente al lavoro i suoi uffici per correggere prima possibile, magari nella fase di conversione in legge, gli errori commessi nel decreto. La domanda, di nuovo, sorge spontanea: era così difficile pensarci prima? (foto di PublicDomainPictures da Pixabay) #quellocolbongo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Enrico Fontana
Giornalista. membro della segreteria nazionale di Legambiente. Responsabile dell’Osservatorio Ambiente e legalità di Legambiente

Articoli correlati

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto