venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Coronavirus, diario dall’isolamento: trentaquattresimo giorno

Coronavirus

Diario dall’isolamento, trentaquattresimo giorno. C’è un dato “segreto” nell’emergenza coronavirus: la percentuale di nuovi contagiati rispetto al numero di tamponi fatti. L’ho cercato, invano, nei comunicati stampa della Protezione civile, nell’infografica dell’Istituto superiore di sanità, sul sito del ministero della Salute. Niente. Poi ho trovato i numeri sull’andamento di questo parametro, fondamentale per capire, in base ai dati disponibili, se la diffusione del contagio rallenta davvero, sia su repubblica.it che su lab.24.ilsole24ore.com. Li elabora una start up inglese: Flourish.

Grafico coronavirus

Il dato di ieri è l’8,8%. E il grafico ci dice, in sostanza, che dal 7 aprile, quando era il 9%, siamo sempre lì. Il decreto “Chiudi Italia” è del 22 marzo e i suoi effetti, positivi, avremmo dovuto cominciare a misurarli dopo due settimane. Il grafico ci racconta anche questo: l’impatto positivo c’è stato, ma non come avremmo voluto. Anche perché è difficile immaginare una riduzione ancora più significativa dei nostri spostamenti, potenzialmente contagiosi.

I numeri, questa volta, arrivano da una start up svizzera: Teralytics. Li ha pubblicati lab.gedidigital.it, il laboratorio digitale del gruppo editoriale Gedi: dal 14 febbraio al 27 marzo i nostri spostamenti si sono ridotti del 69%. Le elaborazioni sono disponibili regione per regione, ma come spiega il trentunenne George Polzer, uno dei cofondatori di Teralytics intervistato da Jaime D’Alessandro per repubblica.it, la loro società (60 dipendenti in tutto, tra Ginevra, New York e Singapore) è in grado di fare molto di più: “Abbiamo i dati delle sim telefoniche di 27 milioni di persone. Dati anonimi ovviamente”. Quella pubblicata da repubblica.it è solo “una misurazione dell’intensità degli spostamenti, dunque non una ricostruzione di quanti, ad esempio, si sono mossi da un punto A ad un punto B”. Dettaglio a cui sono in grado di arrivare.

Teralytics, che riceve dalle compagnie telefoniche dati anonimi sugli spostamenti di circa mezzo miliardo di persone in tutto il mondo, ha trasformato finora queste informazioni in strumenti utili per il settore dei trasporti. Adesso ha deciso di applicare il suo sistema di elaborazione all’emergenza coronavirus, per ridurre i rischi di contagio. “Stiamo proponendo un progetto basato su questo tipo di analisi al governo tedesco”, annuncia sempre Polzer.

Dopo questa lettura, ci permettiamo due sommessi suggerimenti. Il primo è per chi sta comunicando i numeri ufficiali dell’emergenza coronavirus: invece di leggere ogni giorno, come fa il capo della Protezione civile Angelo Borrelli, il numero dei tamponi effettuati (senza neppure riportarlo nei comunicati stampa) e quello dei nuovi contagiati (senza neppure fare una proporzione), o di pubblicare, come fa il ministero della Salute, un tabellone dove c’è il numero dei tamponi fatti finora in Italia e il numero, giornaliero, di contagiati in più (ordini di grandezza tra loro non misurabili), chiamate anche voi il team di Flourish e fatevi realizzare un grafico ufficiale. Non dovrebbe costare molto.

Il secondo è per il nuovo Comitato di esperti in materia economica e sociale: considerato che la prima decisione da prendere sarà quella di aprire gradualmente le attività produttive e di misurarne gli impatti, in termini di spostamenti delle persone potenzialmente contagiose, fate una telefonata ai giovani della Teralytics (il responsabile head of engineering è un italiano, Fabiano Francesconi, laureato a Trento in computer science con 110 e lode). Magari chiedendogli di proporre anche a voi il progetto che stanno elaborando per il governo tedesco.

Noi resteremo a casa in questo giorno di Pasquetta, insolitamente soleggiato. E faremo lo stesso nel lungo ponte che il calendario ci aveva regalato, tra il 25 aprile e il 3 maggio. Voi, che avete il compito di guidarci, regalateci il sogno di istituzioni moderne, efficienti, affidabili e, vista la vostra età media, affidatevi ai giovani. In Italia di start up come Flourish e Teralytics ce ne sono migliaia: non fatele fallire per colpa della vostra ignoranza. Post scriptum: sarebbe utile almeno evitare che l’Istituto superiore della sanità pubblichi, ieri, un grafico dove si legge che le vittime causate dal Covid-19 sono 18.366 e il ministero della Salute un tabellone in cui sono 19.899, perché trasmette, in chi ha la curiosità di leggerli, un discreto senso di insicurezza e di inaffidabilità. Con i morti, com’è noto, non si scherza. (nell’immagine: tabella pubblicata sul sito del ministero della Salute). #quellocolbongo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Enrico Fontana
Giornalista. membro della segreteria nazionale di Legambiente. Responsabile dell’Osservatorio Ambiente e legalità di Legambiente

Articoli correlati

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto