venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Coronavirus, diario dall’isolamento: quarantacinquesimo giorno

Global Strike Roma

Diario dall’isolamento, quarantacinquesimo giorno (-10). L’appuntamento con la Conferenza delle Nazioni unite sul clima, la Cop26 di Glasgow, è stato rinviato, a causa del Covid-19, a “data da destinarsi”. Quello con il quinto sciopero globale per il clima, organizzato in 161 paesi dai giovani di Fridays for future, invece, scatta, puntuale, oggi. Con l’Italia, com’è già capitato nei quattro scioperi precedenti, protagonista, grazie alle 115 città coinvolte. Sarà digitale, come impone la pandemia, ma molto più concreto delle vuote promesse che hanno caratterizzato finora gli Accordi siglati, traditi, rinviati dei governi del mondo.

Saranno i giovani, e non solo, a rompere il silenzio che è sceso sull’emergenza dei cambiamenti climatici, dopo la decisione di rinviare la “decisiva” conferenza di Glasgow. Quella che avrebbe dovuto dare sostanza, cinque anni dopo, all’Accordo di Parigi, solennemente siglato da 195 Paesi con l’impegno di ridurre drasticamente le emissioni di anidride carbonica per contenere l’incremento delle temperatura terrestre al di sotto della soglia dei 2° C. L’appuntamento in Italia è sulla piattaforma ritornoalfuturo.org. Chi vuole potrà firmare la lettera aperta all’Italia, promossa insieme a tutte le associazioni ambientaliste, con cui i giovani di Fridays for future chiedono di fare della transizione ecologica “il cuore e il cervello” della rinascita, dopo la crisi del coronavirus. Partecipare al digital strike (#Digital Strike #RitornoAlFuturo). Geolocalizzarsi, con un link, davanti a Palazzo Chigi. Seguire le dirette con artisti e scienziati. Scoprire gli eventi social organizzati in ogni città. Chi volesse uscire dai confini nazionali ha solo l’imbarazzo della scelta: può collegarsi al sito www.fridayforfure.org, a quello di globalclimatestrike.net, oppure a 350.org e scoprire la bellezza di un mondo che pensa, reagisce, si organizza, studia, elabora proposte concrete, sceglie da che parte stare, anche con il proprio stile di vita.

Basta scorrere il curriculum di quelli più impegnati a organizzare, ovunque, gli eventi di questo quinto “Global strike” per cogliere la differenza, abissale, che li separa dai profili culturali di chi, con le dovute eccezioni, frequenta le stanze del potere politico, in Italia, in Europa e nel mondo. Non è un caso, del resto, che siano loro ad avvertire l’urgenza di non rinviare le scelte che vanno fatte subito almeno per mitigare, gli impatti della crisi climatica, già in corso prima del coronavirus. Sono sempre loro a lanciare appelli (350.org/just-recovery) in cui chiedono, ai governi del mondo, di adottare una strategia chiara e netta di #JustRecovery con cui affrontare la pandemia Covid-19: mettere la salute al primo posto; aiutare direttamente le persone, soprattutto quelle più emarginate; sostenere le comunità e i lavoratori, mai le società che non si impegnano ad affrontare la crisi climatica; creare resilienza per le crisi future, verso il futuro a zero emissioni di cui abbiamo bisogno; costruire solidarietà oltre i confini e non usare la crisi come scusa per calpestare i diritti umani, le libertà civile e la democrazia.

Sono radicali, è vero. Ma di quella sana, giusta, necessaria radicalità richiesta dai tempi che viviamo. Per non restare indifferenti davanti alle previsioni dell’Organizzazione mondiale della sanità, con 3 milioni di morti possibili in Africa a causa del coronavirus, anche perché ci sono intere popolazioni senz’acqua. O cancellare, come se non fossero mai esistite, quelle della Banca mondiale sui 100 milioni di nuovi poveri, entro il 2030, causati dai cambiamenti climatici, a cui potrebbero aggiungersi i 500 milioni previsti da Oxfam come conseguenza del coronavirus. E’ per queste ragioni che oggi dobbiamo essere in molti ad aderire al quinto Global Strike, in tutti i modi possibili. Anche per far sentire forte la nostra voce, nel silenzio in cui i governi del mondo hanno confinato la lotta ai cambiamenti climatici. #quellocolbongo

Enrico Fontana
Giornalista. membro della segreteria nazionale di Legambiente. Responsabile dell’Osservatorio Ambiente e legalità di Legambiente

Articoli correlati

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto