domenica 24 Gennaio 2021

Coronavirus, diario dall’isolamento: diciassettesimo giorno

periferieDiario dall’isolamento, diciassettesimo giorno. In questa drammatica crisi, sanitaria, sociale ed economica, causata dal Covid19, bisogna avere coraggio. E adottare, subito, soluzioni straordinarie, se vogliamo evitare il tracollo del nostro Paese e soprattutto di chi vive in condizioni di fragilità nelle sue aree più povere, come il Mezzogiorno. Quella avanzata dal presidente della Fondazione con il Sud, Carlo Borgomeo, è una proposta concreta e coraggiosa: destinare alle associazioni e alle cooperative sociali i 500 milioni di euro di fondi strutturali, messi a disposizione dall’Unione europea per il “Programma operativo nazionale Inclusione 2014-2020” e ancora non impegnati. Un finanziamento immediato e a fondo perduto, destinato alle realtà più serie, radicate nel territorio e verificabili, grazie a un lavoro di istruttoria che la Fondazione guidata da Borgomeo s’impegna a fare gratuitamente.

Sono realtà che la Fondazione Con il Sud conosce bene, grazie a “una rete di 6.000 associazioni, procedure di valutazione e di controllo collaudate e generalmente ritenute efficaci”, come ricorda Borgomeo. Associazioni e cooperative sociali che chiedono aiuto, non soltanto per loro. “La crisi e le misure di contenimento stanno determinando conseguenze devastanti per le persone più fragili: dai minori alle donne vittime di violenza, dai disabili alle famiglie dei detenuti, dai senzatetto ai migranti, dagli anziani non autosufficienti alle vittime di usura – scrive Borgomeo nell’appello pubblicato sulla prima pagina del “Mattino” – .Alla Fondazione con il sud arrivano continuamente segnalazioni da parte di organizzazioni che con consapevolezza e grande dignità ci dicono di situazioni insostenibili”.

Il mancato utilizzo di risorse destinate dall’Unione europea all’Italia e in particolare al Sud è una vergogna antica, purtroppo. Oggi, però, è semplicemente insopportabile, come ricordano le Fondazioni di comunità che hanno rivolto una petizione pubblica, attraverso la piattaforma change.org, al ministro per il Sud e la Coesione sociale, Giuseppe Provenzano, a sostegno della proposta avanzata da Borgomeo. La ragione è semplice: bisogna “evitare che la dura crisi sanitaria, economica, sociale specialmente al Sud diventi ancora più drammatica e irreversibile nel prossimo futuro”. E per farlo ci vuole più coraggio, da parte di tutti.#quellocolbongo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Enrico Fontana
Giornalista. membro della segreteria nazionale di Legambiente. Responsabile dell’Osservatorio Ambiente e legalità di Legambiente

Articoli correlati

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia