venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Coronavirus, diario dall’isolamento: cinquantatreesimo giorno

Donne, coronavirus

Diario dall’isolamento, cinquantatreesimo giorno (-2). Questa pagina del Diario è dedicata a mia moglie, medico di famiglia, che non ha mai smesso di lavorare anche durante il lockdown. E insieme a lei, a tutte le donne competenti, impegnate, coraggiose che questo Paese continua a ignorare. Come quelle che oggi hanno deciso di indossare la mascherina scrivendoci sopra #Datecivoce.

A far scattare il loro flashmob è stato, insieme a una vissuta consapevolezza, il lavoro prezioso della Fondazione Openpolis, che ha monitorato il ruolo delle donne in tutte le strutture, preesistenti e nuove, che stanno gestendo l’emergenza Covid-19. Ne è venuta fuori una mappa del potere composta da 1.400 persone, distribuite su 5 categorie: prefetture, direttori generali o commissari delle aziende sanitarie e ospedaliere, assessori regionali alla Sanità e alla Protezione civile, organismi regionali create ad hoc, strutture, organismi e task force nazionali. La presenza media delle donne è del 20%. Già così, imbarazzante. Ma non basta: più si sale nella scala gerarchica e più si riduce, fino ad azzerarsi. Se nelle Prefetture, infatti, la presenza di donne, nominate prima dell’emergenza, è del 39,05%, nelle strutture nazionali crolla al 16,74%. Fino al desolante 0% del cruciale “Comitato tecnico-scientifico presso la Protezione civile”, quello che sta decidendo, di fatto, le regole della nostra vita quotidiana.

Letta così la realtà di chi frequenta le stanze del potere, non ci si può stupire se, soltanto per fare un esempio, i bambini siano scomparsi dall’orizzonte dei famigerati Dpcm. Oppure se, immaginando la riapertura delle attività produttive, l’unica soluzione prevista finora, di fatto, è quella di far restare le donne a casa. Il 72,4% delle persone che tornerà a lavorare da lunedì sono uomini, con il risultato, come scrivono Alessandra Casarico e Salvatore Lattanzio su lavoce.info di “caricare di ulteriori compiti di cura le donne all’interno delle famiglie, rischiando di ridurre ancora di più la loro offerta di lavoro, già minata dalla chiusura delle scuole e dalla assenza di alternative credibili alla gestione diretta dei carichi familiari”. Ma non è neppure un caso se, restando sempre nell’ambito dell’attenzione alla qualità della vita e alla cura delle persone, si sia dovuto attendere l’ultimo decreto per trovare un articolo dedicato alla disabilità. Una ricerca pubblicata nel 2018 dall’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, in collaborazione con Farmindustria, ha rivelato come a prendersi cura quotidianamente di figli, mariti, genitori, partner disabili o anziani siano 86 donne su 100. Sono le “caregiver” invisibili per chi ci governa, che associa la parola “badante” solo a chi lo fa per professione, spesso in realtà in nero e senza neppure permesso di soggiorno.

Come mia moglie, sarà donna anche il 60% dei medici di famiglia, come ha raccontato Tommasa Maio, alla guida della Fimmg “Continuità assistenziale” nell’ultimo congresso della Federazione (sanitainformazione.it). Peccato che percepiscano dall’8% (medici di famiglia) al 16% in meno (medici di continuità assistenziale) dei loro colleghi maschi, perché “tendono di più ad autolimitarsi”, spiega la Maio, per “la necessità di dover scegliere e sacrificare almeno in parte le attività professionali, ancora una volta per reggere l’altro sistema, quello familiare”.

Non sono certo io a poter dire se sono riuscito o meno a ridurre questo gap nella mia famiglia. E non voglio neppure sembrare ruffianamente “solidale”. Ma in questi 53 giorni di isolamento in casa, faccende domestiche a parte, ho visto e ascoltato mia moglie lavorare come non mi era mai capitato prima. Avevo già la convinzione che la responsabilità dei disastri con cui ci dobbiamo misurare fosse del genere maschile. Ora ho, ancora di più, la certezza che le soluzioni giuste potranno arrivare solo dando voce e potere alle donne. Post scritptum. Lo studio di Alessandra Casarico, professoressa di Scienza delle Finanze all’Università Bocconi, e Salvatore Lattanzio, che sta svolgendo un dottorato di ricerca in economia all’Università di Cambridge, rivela un’altra ipocrisia di questa “Fase della Transizione iniziale”: la percentuale più alta di chi resterà comunque a casa, perché le attività economiche che li riguardano non riapriranno, è quella dei giovani (33,5%). Alla faccia delle infinite discussioni fatte nei giorni scorsi sui possibili vantaggi di una loro maggiore resistenza al virus. #quellocolbongo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

 

Enrico Fontana
Giornalista. membro della segreteria nazionale di Legambiente. Responsabile dell’Osservatorio Ambiente e legalità di Legambiente

Articoli correlati

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto