giovedì 23 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Coronavirus e crisi socio-economica, Guterres: “Dobbiamo costruire un’economia diversa”

Festival dello sviluppo sostenibile

Le Nazioni Unite hanno pubblicato un report riguardante il recupero economico e sociale che interesserà il mondo dopo la pandemia causata dal Coronavirus. António Guterres, Segretario Generale delle Nazioni Unite, ha presentato il report in una conferenza stampa online, concentrando l’attenzione sulle criticità evidenziate nel sistema economico globale e sulle azioni necessarie per garantire la sicurezza dei più deboli, ora e nel futuro, quando la pandemia sarà superata.

“Le economie mondiali sono in subbuglio e il Fondo Monetario Internazionale ha rivalutato le prospettive di crescita per il 2020 e il 2021, dichiarando che siamo entrati in una recessione che potrebbe rivelarsi peggiore di quella del 2009. Dobbiamo rispondere con decisione, in modo innovativo e uniti per reprimere la diffusione del virus e affrontare la devastazione socio-economica che Covid-19 sta causando in tutte le regioni”.

“L’entità della risposta – continua Guterres – deve corrispondere alla portata della crisi, e deve essere quindi coordinata e completa, con risposte nazionali e internazionali guidate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Deve essere multilaterale, con paesi che dimostrino solidarietà alle comunità e alle nazioni più vulnerabili. Dobbiamo vedere i Paesi non solo uniti per sconfiggere il virus, ma anche per affrontare le sue profonde conseguenze. In primo luogo, per una risposta sanitaria immediata e coordinata, che offra accesso universale alle cure e ai vaccini, quando saranno pronti. In secondo luogo, dobbiamo affrontare le devastanti conseguenze sociali ed economiche di questa crisi, con un’attenzione particolare per i più colpiti. Ciò significa progettare politiche fiscali e monetarie in grado di sostenere i lavoratori e le famiglie. Ciò che serve è una risposta multilaterale su larga scala, coordinata e completa, pari ad almeno il 10% del PIL globale. I Paesi sviluppati possono farlo da soli, e alcuni lo stanno facendo.

Ma dobbiamo aumentare massicciamente le risorse disponibili per il mondo in via di sviluppo.  Il sistema delle Nazioni Unite è pienamente mobilitato, anche con l’istituzione di un nuovo fondo fiduciario multi-partner, per sostenere i Paesi a basso e medio reddito al fine di rispondere all’emergenza e a riprendersi dallo shock socio-economico. Infine, quando supereremo questa crisi – cosa che faremo – ci troveremo di fronte a una scelta. Possiamo tornare al mondo com’era prima o affrontare con decisione le questioni che ci rendono tutti inutilmente vulnerabili alle crisi. Gli obiettivi sono dettati dall’Agenda 2030 e dai 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile.

La ripresa dalla crisi da Covid-19 deve portarci a un’economia diversa. Tutto ciò che faremo durante e dopo questa crisi deve essere fortemente incentrato sulla costruzione di economie e società più eque, inclusive e sostenibili che siano più resistenti di fronte alle pandemie, al cambiamento climatico e alle molte altre sfide globali che dobbiamo affrontare. Ciò di cui il mondo ha bisogno ora è la solidarietà. Con la solidarietà possiamo sconfiggere il virus e costruire un mondo migliore” conclude.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto