giovedì 22 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Coronavirus, a maggio in Cina +4-5% di emissioni di CO2

Cina emissioni Co2

Le emissioni di CO2 in Cina a maggio sono tornate ai livelli pre-Covid, registrando un aumento del 4-5% su base annua. A dirlo sono gli ultimi rilevamenti sull’inquinamento atmosferico diffusi dal governo di Pechino. L’aumento esponenziale di CO2 nell’aria è collegato principalmente alla ripresa delle attività delle industrie del carbone, del cemento e delle altre industrie pesanti.

Dunque come era prevedibile, e come era già stato anticipato a inizio giugno dal Center for Research on Energy and Clean Air, Pechino non ha “perso tempo”. E gli effetti del calo senza precedenti del 25% di emissioni di CO2 nei mesi di lockdown, imposti dal governo cinese per contenere il contagio del virus Sars-Cov-2, stanno già svanendo.

Secondo i dati di Wind Information e del National Bureau of Statistics cinese riportati da Carbon Brief, ad oggi le emissioni di CO2 continuano a essere inferiori di circa il 6% rispetto allo stesso periodo del 2019. Ma è un dato che non durerà ancora a lungo. Lo spegnimento di fabbriche e centrali elettriche e il congelamento del traffico stradale e aereo, hanno migliorato sensibilmente la qualità dell’aria nel gigante asiatico. Al contempo ciò, però, ha fatto sì che per la prima volta in trent’anni la Cina non sia riuscito a centrare gli obiettivi di crescita economica che si era posto, spingendo il governo ad accantonare la “linea verde” a favore dello sfruttamento di fonti fossili.

Tra i principali fattori che hanno portato all’aumento di emissioni di CO2 a maggio è stato, in particolare, l’incremento del 9% della generazione di energia termica. In parallelo sono aumentate anche le produzioni di energia nucleare (14%), eolica (5%) e solare (7%), che però nel complesso non sono state sufficienti per compensare il calo del 17% di energia idroelettrica.

Oltre al settore energetico, a maggio è lievitata anche la produzione di cemento, fattore che ha rappresentato un quinto dell’aumento complessivo delle emissioni mensili di CO2 rispetto allo scorso anno. La crescita della domanda di cemento è stata favorita da grandi investimenti in nuove infrastrutture e nel settore immobiliare.

Anche la domanda di petrolio e la sua trasformazione nelle raffinerie del petrolchimico è tornata ai livelli pre-pandemia, complici i prezzi bassi del greggio. Così come è aumentato in modo repentino la domanda di acciaio per il settore delle costruzione, l’uso del diesel per il trasporto di merci e per le attività industriali, e quello di benzina per le auto private.

Prima del lockdown Pechino prevedeva un aumento fino al 50%, entro la fine del 2020, di impianti fotovoltaici. Ma dopo il blocco delle attività produttive, la stima è stata ovviamente rivista al ribasso. Il fotovoltaico dovrebbe chiudere l’anno con una crescita di circa il 15-30% (35-40 GW installati), mentre eolico e solare potrebbero registrare un segno positivo del 25% (70 GW installati). A giugno dal governo centrale è stato dato mandato a tutte le province del Paese di dare priorità alla produzione di energia pulita. Una richiesta che sa di slogan, dietro la quale l’industria pesante cinese sta tornando a marciare a ritmi forsennati.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

È un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

È un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano

Caccia: “Per la tortora selvatica la Calabria è l’unica salvezza”

A dirlo sono Legambiente, Lipu e Wwf: durante il tavolo tecnico della Conferenza Stato-Regioni si è discusso il piano nazionale di gestione. Solo l’assessore Sergio De Caprio, il capitano Ultimo, ha resistito alle pressioni delle associazioni venatorie

Addio al comandante Salvatore Barone presidente di Castalia

Ha creato un sistema di pronto intervento in caso di sversamento in mare pressoché unico nel Mediterraneo, in grado di confrontarsi con le nuove grandi sfide dell’inquinamento marino. Ci mancherà
Ridimensiona font
Contrasto