sabato 4 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Unfakenews: “Non esiste il nucleare verde”

“Non perdiamo tempo a discutere di nucleare”. L’appello del presidente dell’associazione ambientalista Stefano Ciafani, che precisa: “La strada da seguire è quella delle rinnovabili, dell’efficienza e dell’innovazione tecnologica”. La campagna unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia smonta alcune bufale sul tema: dal risparmio in bolletta elettrica alla sicurezza degli impianti

“Non perdiamo tempo inutilmente a discutere di nucleare nel nostro Paese”. Netta la posizione del presidente di Legambiente Stefano Ciafani sulla questione nucleare, tornata in questi giorni in primo piano a proposito della tecnologia “di IV generazione”. “La vera e unica strada che il nostro Paese deve percorrere è quella dello sviluppo delle rinnovabili, dell’efficienza e dell’innovazione tecnologica, sia per accelerare la transizione ecologica ed energetica, sia per rispettare gli obiettivi per il clima fissati al 2030 ed azzerare le emissioni nette di CO2 entro il 2050 – il commento di Ciafani – Al governo Draghi chiediamo azioni e politiche concrete che vadano in questa direzione, a partire dallo stop ai sussidi alle fonti fossili in legge di bilancio e dall’aggiornamento del Pniec all’obiettivo del meno 65% di gas serra entro il 2030 come in Germania, semplificando gli iter per la realizzazione del fotovoltaico integrato sulle coperture degli edifici, anche nei centri storici, e degli impianti eolici, a terra e a mare, spendendo bene i soldi del Next Generation Eu che andranno investiti entro il 2026, e facendo sì che l’Italia diventi un esempio anche per gli altri Paesi, aggiornando le linee guida sull’installazione delle rinnovabili, che risalgono a più di dieci anni fa, per adeguarle in modo chiaro ai nuovi obiettivi europei. Sono questi i punti e prossimi step su cui la Penisola deve far leva”.

Unfakenews sul nucleare, la campagna di Legambiente 

L’associazione ambientalista, attraverso la sua campagna Unfakenews realizzata insieme a La Nuova Ecologia e nata per contrastare le bufale ambientali, smonta sul numero di novembre della rivista anche alcune fake news sul nucleare, sintetizzate qui di seguito con domande e risposte.

Se utilizzassimo il nucleare la nostra bolletta elettrica sarebbe decisamente più bassa?

No. Senza considerare i problemi della sicurezza, gli incidenti gravi e le scorie da smaltire, trent’anni fa questa affermazione poteva sembrare plausibile. Ma nei decenni i costi del nucleare sono saliti sempre di più, mentre quelli delle rinnovabili sono scesi a livelli sempre più bassi. Oggi il kWh di energia elettrica prodotto dal nucleare costa più del doppio dell’energia prodotta dal fotovoltaico o dall’eolico. Secondo il World Nuclear Industry Status Report, nel 2020 produrre 1 kilowattora (kWh) di elettricità con il fotovoltaico è costato in media nel mondo 3,7 dollari, con l’eolico 4,0 dollari, con il nucleare 16,3 dollari.

Con le tecnologie di IV generazione le centrali nucleari saranno sicure, senza nessun rischio per l’incolumità pubblica?

No. Non esistono impianti industriali di quarta generazione e di conseguenza basi per tale affermazione. Le tecnologie di IV generazione prevedono inoltre lo sviluppo di reattori “veloci”, di tipo fastbreeder (autofertilizzanti), che presentano criticità di sicurezza maggiori e usano il Plutonio, che è il più radio tossico degli elementi radioattivi e, soprattutto, il più proliferante verso le armi nucleari.

Siamo rimasti fra i pochi Paesi al mondo a non investire sul nucleare. Questo ci condannerà alla subalternità?

No. La Germania ha deciso di chiudere l’ultima centrale nucleare a fine 2022. E il successo elettorale dei Verdi nelle ultime elezioni rende improbabile una revisione di questa decisione. Nel mondo soltanto 13 Paesi hanno in corso progetti di costruzione di centrali nucleari. La vera subalternità la rischiamo nelle tecnologie delle fonti rinnovabili, se non vengono rimossi gli impedimenti burocratici che, ad esempio, stanno bloccando lo sviluppo del fotovoltaico. Ma il problema è soprattutto un altro: non c’è più tempo, entro il 2030 l’Italia deve raggiungere i propri obiettivi per il clima. Nel nostro Paese è impensabile costruire e mettere in servizio centrali nucleari che possano dare in tempo utile un contributo per il clima. E lo stesso Ad dell’Enel, Starace, ha riconosciuto poco tempo fa nella conferenza di Cernobbio che il nucleare non è per l’Italia una partita da giocare.

Inoltre, Legambiente ricorda che rispetto a questa tecnologia restano irrisolti tre problemi: la pericolosità degli impianti, il problema delle scorie nucleari e, infine, i costi esorbitanti.

Cop 26, #RoadToGlasgow

Legambiente si farà portavoce anche di questi temi domani a Glasgow partecipando con una sua delegazione alla manifestazione dei FFF e a quella di sabato organizzata dalla Cop26 Coalition. Un viaggio che potrà essere seguito sui suoi social cliccando gli hashtag #RoadToGlasgow e #ChangeClimateChange.

Leggi anche:

Cop26, entro 2030 stop a deforestazione e meno 30% emissioni di metano

Clima, Legambiente: “Delusi dal patto siglato al G20, mancano impegni concreti”

Cop26, istruzioni per l’uso

Clima, ecco il manifesto del Youth4Climate

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Anna Giordano è l’ambientalista dell’anno 2021

La “signora dei falchi” vince la consultazione online e riceve il riconoscimento promosso da Legambiente e Nuova Ecologia intitolato a Luisa Minazzi giunto alla sua quindicesima edizione

EcoForum Veneto

Dalle 9.15 la diretta di EcoForum Veneto

Rinnovabili, nel 2026 saranno il 95% delle nuove fonti energetiche installatate

Lo prevede il nuovo rapporto dell'Iea, l'Agenzia internazionale dell'energia. Oltre la metà di questa energia verde sarà coperta dal fotovoltaico. E già il 2021 si chiuderà con un record con 290 gigawatt di nuova potenza installata

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Biologico, Coldiretti e Legambiente: “Approvare subito la legge alla Camera dei deputati”

Appello delle associazioni per portare a termine celermente l’iter di approvazione della norma, approvata dal Senato con un solo voto contrario e ancora ferma alla Camera
Ridimensiona font
Contrasto